Pordenone, è l’ora delle scadenze: c’è tempo fino a mezzanotte per iscriversi al campionato

Il presidente Mauro Lovisa (a destra) durante la presentazione del tecnico Domenico Di Carlo

Almeno inizialmente il campo sarà ancora il Teghil di Lignano: Triestina in ansia, Vicenza ripescato in B se salta la Reggina

PORDENONE. Oggi scade il termine per l’iscrizione al prossimo campionato di serie C. C’è tempo sino a mezzanotte per spedire ogni documento legato al primo atto formale della nuova stagione. Dopodiché la società di Mauro Lovisa farà parte a tutti gli effetti del pianeta Lega Pro, in cui torna a gravitare dopo tre anni spesi tra i cadetti.

La dirigenza depositerà la domanda di iscrizione e provvederà al pagamento della quota di ammissione al campionato, fissata in 60.000 euro. Sarà necessario, inoltre, allegare una fideiussione a titolo di garanzia dell’importo di 350.000 euro e rispettare l’indice di liquidità fissato per la C in 0.7. Non va poi dimenticato che, sempre entro mercoledì 22 giugno, si dovranno versare gli emolumenti relativi a calciatori e staff tecnico per quanto riguarda i mesi di marzo, aprile e maggio.

All’atto è doveroso specificare anche l’impianto in cui si disputeranno le partite interne. Il Pordenone indicherà il Teghil di Lignano come stadio principale. Il Tognon di Fontanafredda si potrà considerare soltanto quando riceverà l’omologazione da parte della Figc. Se tutto va bene la squadra di Domenico Di Carlo potrà esibirsi nella Destra Tagliamento tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre.

Con i lavori di ammodernamento si dovrà tuttavia correre come fatto nel 2020 a Lignano, quando la struttura di Sabbiadoro venne adeguata alle richieste della serie B in tempi record. C’è grande attesa anche di vedere se tutte le 60 società di Lega Pro presenteranno la domanda di iscrizione e i documenti annessi.

In Friuli Venezia Giulia, intanto, si guarda con apprensione alla situazione della Triestina, che dopo la morte del presidente Biasin in Australia e il blocco dei suoi conti ha incontrato molte difficoltà. Non è detto che gli alabardati ce la facciano, tuttavia entro il 22 giugno si saprà quale sarà il destino della società del capoluogo regionale. In B si guarda alla Reggina, che ha appena cambiato proprietario. Trapela ottimismo tuttavia, anche se il Vicenza – prima nella lista dei club ripescabili – sta alla finestra e attende. Se il “Lane” dovesse salire tra i cadetti, il Pordenone avrebbe una rivale in meno sulla strada di un campionato di alto livello.

Una volta esauriti questi obblighi, la Lega Pro si occuperà della redazione dei tre gironi da venti team (attesa per la prima parte del mese di luglio). La divisione sarà orizzontale e i neroverdi faranno parte del gruppo A, che prevederà la presenza delle società piemontesi, lombarde, venete e, appunto, friulane.

Per quanto riguarda il primo match ufficiale, questo si terrà a metà agosto con la Coppa Italia. Il campionato invece inizierà l’ultima domenica di agosto.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Giordania, cede la fune e un serbatoio di cloro cade sulla nave: la nuvola tossica uccide 10 persone

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi