In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
serie a

L’Udinese si gode Pereyra, il capitano silenzioso che parla solo sul campo

In estate lo voleva il River Plate: poteva andarsene, ma non ha puntato i piedi. È il bianconero che percorre più chilometri a partita

Massimo Meroi
2 minuti di lettura

Roberto Pereyra è il capitano dell’Udinese da metà della scorsa stagione quando ereditò la fascia dall’olandese Bram Nuytinck

 (ansa)

UDINE. Di Natale ha sempre sostenuto che, dopo Sanchez, è stato il suo compagno più forte all’Udinese. Mica male come complimento per Roberto Maximiliano Pereyra, il capitano dell’Udinese rivelazione di queste prime sette giornate di campionato. In Friuli il “Tucu” ha sempre avuto grandi estimatori: il primo, Gino Pozzo che lo portò in Italia nell’estate del 2011 versando nelle casse del River Plate 2 milioni di euro.

Classificato come esterno, Pereyra raramente ha giocato in quel ruolo in Italia: Guidolin lo spostò mezzala e lì ha giocato anche alla Juventus nelle due stagioni in cui è rimasto a Torino. Era un centrocampo, quello dei campioni d’Italia, che schierava gente del calibro di Marchisio e Pogba, eppure Pereyra si ritagliò uno spazio importante a dimostrazione del suo valore.

La sensazione che non abbia espresso tutto il suo potenziale è abbastanza comune. In Inghilterra, al termine della seconda annata juventina caratterizzata da qualche malanno di troppo, è finito al Watford, con tutto il rispetto non una squadra di prima fascia. Quando è tornato a Udine i tifosi hanno fatto festa perché per un club di medio livello come quello bianconero Pereyra è un giocatore top.

I numeri lo confermano. Nel primo campionato della sua seconda versione friulana il “Tucu” ha messo assieme 34 presenze segnando 5 gol, record personale che aveva già collezionato proprio in bianconero nel campionato ’12-’13 giocando 37 partite.

Lo scorso anno ha avuto una flessione condizionato anche dall’infortunio alla clavicola che lo ha messo ko a novembre con il Genoa privando Gotti, esonerato a inizio dicembre, di una pedina fondamentale. Le presenze, alla fine, sono state 24 , con l’aggiunta di tre reti.

In estate, considerando anche che ha il contratto che scade nel 2023, si era ipotizzato di una sua possibile partenza. In Argentina, non è un mistero, lo voleva il River Plate, la squadra nella quale è cresciuto. La tentazione di tornare in Argentina c’è stata, ma a differenza di tanti altri colleghi il “Tucu” non ha puntato i piedi anche per una questione di riconoscenza visto che è stata l’Udinese il suo trampolino nel calcio europeo. In Friuli, poi, sta bene, sente l’affetto dei tifosi e la stima dei compagni.

E con Sottil si è creato un feeling speciale come dimostra anche il cambio di ruolo. Quando il tecnico, la settimana precedente alla gara di Monza, gli ha chiesto la disponibilità a trasferirsi sulla fascia in un ruolo decisamente più dispendioso, Pereyra ha risposto subito presente. E come d’incanto il suo rendimento ha avuto una crescita lenta ma costante.

Sempre schierato titolare, solo con l’Inter è stato sostituito quando mancavano più di venti minuti alla fine, mentre con la Fiorentina è uscito al 79’ e con la Roma all’85’. Ha segnato un gol (quello del 3-0 alla Lupa) e fornito quattro assist: a Masina contro il Milan, a Lovric con la Roma, a Beto e Samardzic col Sassuolo. Non viene considerata assist la punizione da cui è nato l’autogol dell’interista Skriniar. Ma c’è un altro dato che impressiona più di tutti: è il giocatore a disposizione di Sottil che percorre più chilometri di media a partita: 10,600. Subito dietro Walace (10.251) e Deulofeu (10.018).

Capito? I due uomini di maggior qualità ci mettono anche tanta quantità. Anche questo è uno dei segreti dell’Udinese di Sottil.

I commenti dei lettori