In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
CICLISMO

Milan ha rotto il ghiaccio: la prima vittoria tra i “pro” celebrata davanti a papà

Il bujese trionfa con una volata imperiosa in Croazia: «Non ho parole, ancora non ci credo»

Antonio Simeoli
Aggiornato alle 2 minuti di lettura
Un incredulo Jonathan Milan domina la volata nella prima tappa del Giro di Croazia 

BUJA. Cosa volete, questo ragazzone di Buja, carico di talento, ha scelto nella sua carriera di ciclista di non essere mai banale. Dopo un’Olimpide con finale da record del mondo col quartetto, un Mondiale su pista e tanto altro ha vinto la sua prima gara su strada da professionista a nemmeno 22 anni davanti a papà Flavio e nonno Eligio, che ha scoperto essere lì solo dopo aver tagliato il traguardo sotto la pioggia.

È accaduto martedì 27 settembre, a Ludbreg, in Croazia, alla fine della prima tappa della breve corsa a tappe che vede ai nastri di partenza fior di velocisti (Elia Viviani e Sacha Modolo tra gli altri), ma anche campioni come due re del Tour presente e passato come Jonas Vingegaard e Geraint Thomas. Il finale? Ce lo racconta lui.

L'emozione di Jonathan Milani: "Grazie alla squadra, lavoro perfetto"

Ebbro di gioia, mentre nel pomeriggio di martedì 27 settembre, dopo 235 km corsi a oltre 40 di media con due salitelle toste nel finale e sotto la pioggia nell’ultimo tratto di gara a completare il tutto, tornava in hotel. «Sono ancora incredulo, devo ringraziare la mia squadra, Bahrain Victorious per il grande supporto. Volevamo tenere cucita la corsa per provare a vincere la tappa nel finale. Tutti mi hanno supportato, Damiano Caruso e gli altri. Poi nel finale Matej Mohoric ha provato l’azione solitaria sfruttando la discesa».

È un drago il vincitore dell’ultima Sanremo quando la strada scende, lo ricordate giù dal Poggio in marzo? Milan, dietro, l’ha coperto alla perfezione fino a meno di mezzo chilometro dal traguardo. «Matej era da alcuni km all’attacco, io controllavo. Ma ho avuto paura che qualche velocista partisse e mi anticipasse allora ho rotto gli indugi. Sono ancora incredulo. Sognavo questo giorno da bambino. Ho realizzato un sogno».

La progressione del campione olimpico e mondiale nel quartetto dell’inseguimento e del vicecampione mondiale della specialità è stata imperiosa. Una progressione che ha levato tutti di ruota trasformandosi in una volata potente continuata ben oltre il traguardo. Dietro Sacha Modolo (Bardiani) e Mirco Mastri (Eolo). Nel gruppo del migliori anche Jonaas Vingegaard (Jumbo), il vincitore del Tour ieri tornato alle gare dopo la sbornia di luglio ai campi Elisi, non Geraint Thomas arrivato a oltre un minuto. «Ero incredulo, ho continuato a spingere ben oltre il traguardo», ci ha detto Jonathan. Sotto la pioggia, inzuppato d’acqua. E di gioia.

Davor Pavlovic 

Poi la sorpresa. Al di là delle transenne ha visto sotto un ombrello papà Flavio, ottimo dilettante negli anni Novanta e nonno Eligio, semplicemente le due persone per cui ha iniziato a sognare da bimbo una giornata come questa.

Mamma Elena, intanto, con gli altri nonni faceva festa a Buja e con lei il Team Friuli, la squadra under 23 ora non a caso diventata squadra di sviluppo della Bahrain Victorious, team con forte matrice balcanica, per cui la corsa croata ha una grande importanza.

«Li ho visti lì e mi ha preso un’emozione grandiosa», ha detto Jonny sull’incontro con papà e nonno. E papà Flavio? «Volevamo fargli una sorpresa, ci siamo riusciti – ha detto – Sapevamo che era in grande forma, andava forte su strada e anche su pista in questo periodo». Jonathan fra tre settimane nell’hinterland di Parigi, nel velodromo dei Giochi 2024 punta forte sul Mondiale. «Intanto mi sono fatto il regalo di compleanno, sabato saranno 22 anni», chiude il nuovo leader del Giro di Croazia. Fermi tutti: oggi a Zara può esserci un’altra volata...

I commenti dei lettori