In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
la storia

Ruggero Grava, emigrante del pallone: da Claut al Grande Torino fino a Superga

Nato un secolo fa in Friuli, è cresciuto come uomo e calciatore in Francia, lanciato dall’Amiens, il club del bianconero Ebosse

ALBERTO BERTOLOTTO
2 minuti di lettura

Enzo Ebosse, difensore dell’Udinese, è nato e cresciuto ad Amiens. E nel club della città francese, nota per la cattedrale di Notre-Dame, ha vissuto gli anni formativi del settore giovanile. Era il 2005 quando vi è entrato: aveva 6 anni. Vi è uscito nel 2015, sedicenne e pronto a nuovi traguardi. Il 23enne franco-camerunense è legato a un filo sottile a un pordenonese, a un clautano che in Friuli viene ricordato ogni volta in cui i bianconeri affrontano il Torino. È Revelli Ruggero Grava, centravanti, calciatore del Grande Torino, che il 4 maggio 1949 perse la vita a Superga assieme a tutta la squadra. Anche lui militò nell’Amiens, clib che ora lotta per la promozione in Ligue 1.

La storia di Grava, probabilmente, Ebosse non la conosce, ma non è una colpa: appartiene a un’epoca molto lontana, per quanto nel suo sviluppo abbia temi molto attuali. Revelli Ruggero, all’Amiens, giocò una sola stagione, quella del 1942-1943. Un’annata che gli spalancò le porte del “vero” calcio. In Francia, Grava, vi arrivò ben prima, nel 1923, un anno dopo la sua nascita. Venne alla luce a Claut, figlio di Remo e Giovanna De Zan. Dopo il primo conflitto mondiale, su insistenza della moglie, Remo si trasferì Oltralpe, in cerca di fortuna. Lo raggiunse la famiglia, con Ruggero che diventò Roger. Saint Ouen, oggi inglobata a Parigi, era la base della famiglia. E il clautano dimostrò di avere talento per lo sport. Il centro Kleber, con la sua Societè de Peparation et d’Education Sportive, rappresentò la sua “culla”, dove praticò nuoto, boxe e calcio. Nel 1939 il centro Kleber chiuse, ma il problema si trasformò in un’opportunità. Grava passò all’As Roma, squadra di italiani residenti a Parigi. Si mise in mostra, guadagnando la chiamata dell’Amiens. Aveva 20 anni. Nel tempo andò a rinforzare l’Olympique Roubaix-Tourcoing, con cui vinse il massimo campionato francese del 1947. Era un centravanti forte: la sua strada era segnata.

Nel 1948 il primo viaggio in Italia per perfezionare l’accordo col Grande Torino, la formazione degli invincibili che cercava un vice di Gabetto. Grava giocò tre match: due amichevoli, in cui segnò una rete, un incontro di serie A, disputato col Genoa. Il 4 maggio del 1949, di ritorno in aereo da quella “maledetta” amichevole in Portogallo giocata col Benfica, lo schianto dell’aereo sulla collina di Superga. A bordo l’intera squadra del Torino. La sua salma venne trasportata alla corte d’onore del Parc des Princes e ora riposa nel cimitero di Saint Ouen.

Il mito di Grava ha resistito e resiste al logorio del tempo, specialmente a Claut. Il campo sportivo porta il suo nome. E chi l’ha visitato ricorda le targhe dedicate a lui, specialmente quella che commemora il 60esimo anniversario dell’incidente di Superga. Franco Giordani, cantautore clautano, gli ha dedicato una canzone in dialetto: Revelli. «Partì de la mont per èse un campion, nessun a né lo giàva», racconta dice una strofa: partire dalla montagna per diventare, nessuno ce lo toglie. «Ed è proprio questo l’aspetto che maggiormente rende orgogliosi noi clautani: pur nelle difficoltà, partendo da origini umili, Ruggero riuscì a diventare un fuoriclasse», afferma il sindaco di Claut Gionata Sturam.

Grava avrebbe compiuto quest’anno un secolo di vita. Iniziative per onorare la sua memoria ce ne saranno. In maniera speciale ne sarebbe orgogliosa Odile, sua sorella, scomparsa a novembre del 2021 a 97 anni. Viveva in Francia, ma non aveva mai reciso il cordone ombelicale che la legava a Claut. «Parlava meglio il nostro dialetto anziché l’italiano», ricorda sorridendo Sturam. A ogni iniziativa a ricordo del fratello veniva sempre informata. E vi presenziava, sino a quando la salute glielo permetteva. Quando era impossibilitata a esserci, lo faceva sapere tramite una lettera. Sono storie da raccontare. La leggenda deve continuare.

I commenti dei lettori