In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
serie c

Il Pordenone si diverte con una cinquina e dopo un mese si riprende il primo posto

Prova di forza dei neroveri che tornano in testa assieme al Renate. La pratica Lecco sbrigata nei primi 45’ chiusi sul 3-0

Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Il primato in classifica, ripreso dopo un mese e condiviso col Renate, è molto importante ma non dice tutto. Perché ieri il Pordenone ha lanciato un segnale ancora più forte al campionato. Sono i risultati e le ultime prestazioni, più della graduatoria, a dire che quella di Domenico Di Carlo è la squadra da battere nella corsa verso la serie B. I ramarri hanno firmato la seconda vittoria di fila con il secondo pokerissimo consecutivo. Dopo il Pergocrema, nel 12° turno del girone A di serie C a essere stata travolta dai gol è stata la formazione di Luciano Foschi, ex mister neroverde, che in passato aveva ricoperto il ruolo di vice di Di Carlo.

Al Teghil non c’è stata partita, se non altro perché i friulani non si sono abbattuti dopo il rigore fallito al 2’ da Burrai, mantenendo il controllo della gara e trovando poco dopo il gol dell’1-0 e del 2-0. Da lì in poi è stata una passeggiata. Pordenone primo in classifica con il miglior attacco assieme al Vicenza e la miglior difesa, il tutto senza l’apporto anche ieri di cinque giocatori importanti come Andreoni, Pirrello, Negro, Magnaghi e Andreoni.

Ha impressionato il cambio di marcia dato da questa squadra, specialmente se si fa il confronto con le prestazioni offerte sino a tre settimane fa. I ramarri ora aggrediscono la sfida e la prendono in mano. E se trovano la rete subito, sono incontenibili. Ieri è stato così, con la squadra subito in partita e dopo 120 secondi già potenzialmente sull’1-0: peccato solo che Burrai si è fatto parare il penalty concesso per un fallo su Torrasi. I neroverdi hanno continuato a macinare gioco, trovando 8’ il centro che ha sbloccato l’incontro. Azione tambureggiante dei ramarri, con Zammarini bravo a scendere per vie centrali e ad appoggiare la palla a Pinato: il centrocampista dal limite ha fatto partire un sinistro irresistibile. Quarto centro per lui in campionato, capocannoniere del gruppo.

Due minuti più tardi, il bis. Ancora Zammarini, stavolta dall’esterno, è stato capace di mettere in moto Dubickas. Qualche metro per via centrale, altro tiro mancino dalla distanza: conclusione precisa e imparabile per Melgrati. Il 2-0 ha fatto volare il Pordenone, che però non si è accontentato. Un approccio che ha fatto la differenza nell’economia del match. I calciatori hanno proseguito a spingere, difendendo anche forte sul Lecco, che provava a risalire la china. Questa mentalità, Di Carlo, l’ha sempre predicata. E può portare la squadra molto lontano. La partita nel frattempo era già in cassaforte ed è stata ulteriormente blindata al 42’ dalla doppietta di Dubickas, bravo a chiudere un bel dialogo in area con Pinato. Per il lituano terzo gol nelle ultime due sfide: si è sbloccato a Crema, adesso vola.

E nella ripresa, in 45’ di accademia, ha segnato pure il compagno di reparto di “Dubi”, Candellone, che al 15’ ha messo in porta dopo un bell’assist di Torrasi con una conclusione in diagonale. Anche l’ex Torino ha dato continuità alla firma messa a segno otto giorni fa con il Pergocrema. Un altro bel segnale per il mister. In pieno garbage-time, poi, il 5-0 siglato da un colpo di testa di Ajeti su punizione battuta dalla sinistra di Benedetti. Il difensore albanese è il decimo marcatore stagionale della formazione friulana. Il pubblico ha applaudito convinto questo Pordenone, che ora deve continuare così: a Piacenza, sabato, sul campo della penultima capace di conquistare il primo successo stagionale, serve non avere pietà come dimostrato ieri e a Crema.

I commenti dei lettori