In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
tennistavolo paralimpico

Giada Rossi conquista il secondo oro mondiale

Chiude i Mondiali di Granada con un bottino di due medaglie d’oro, singolare e doppio donne, e un argento, il doppio misto

Rosario Padovano
Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Giada Rossi si è laureata in Andalusia campionessa del mondo in singolare nel tennistavolo paralimpico. Doveva finire così, con la pongista di Poincicco che esulta a squarciagola con le braccia al cielo.

Sventola la bandiera con l’Aquila, ma per una settimana lo sfondo era rosso fuoco, come nelle grandi battaglie. Ora è azzurro come il colore degli sportivi italiani.

La fuoriclasse zoppolana ha battuto per 3-1 al termine di un match ben giocato Seo Su Yeon.

Di fronte la migliore al mondo del ranking di classe 2 paralimpico, Giada appunto, e la numero 2, la Seo, una grande avversaria.

Giada Rossi, 28 anni, chiude i Mondiali di Granada con un bottino di due medaglie d’oro, singolare e doppio donne, e un argento, il doppio misto, specialità introdotta da questa rassegna iridata. Di più non si poteva chiedere.

Per la campionessa è un triplete ed è giusto festeggiare.

Giada Rossi era arrivata in finale superando agevolmente i quarti e un po’ più difficilmente lo scoglio delle semifinali. All’inizio sente un po’ la tensione, tanto che Seo va subito in vantaggio di due punti.

Poi è un monologo di Rossi, che colleziona 8 punti consecutivi. Un po’ di “braccino corto” e alla fine l’avversaria manda la pallina a rete: 11-6 per Giada, impeccabile nelle risposte, coraggiosa negli attacchi, ottima anche negli effetti. Inizia il secondo set e Giada è in preda alla tensione della finale.

Tira il fiato, stringe la polso destro la racchetta, immobilizzandola con il nastro, adotta la solita posizione sulla carrozzina, ma commette alcuni errori nella prima parte del parziale. Seo ne approfitta, ma la prestazione della coreana resta scialba: sbaglia tre servizi e Giada annulla tre set point.

Sull’ultimo la risposta di Seo è velenosa, Rossi si tradisce spedisce la pallina in rete: 9-11.Poi arrivano altri due parziali, per riscattarsi e Giada li gioca in modo magistrale. Il terzo set è vinto per 11-7, Giada si riporta in vantaggio nell’ambito dei set per 2-1. Il quarto set è una passeggiata. Non ce n’è per nessuno, 10-3. Giada sbaglia il primo match point, rimprovera sé stessa. Ci pensa Seo.

Accade come nei Mondiali di volley, l’avversaria sbaglia la battuta, colpisce la rete: 11-4. Giada si sbraccia, esulta, sorride. Esplode la gioia incontenibile dei tifosi italiani: i genitori, il fratello. Tutti. Lignano al centro del mondo.

Corre voce che Alessandro Arcigli, il direttore tecnico delle nazionali, abbia posizionato al centro Efa Bella Italia Village, dove ha sede il centro tecnico Fitet paralimpico, un mappamondo.

«Ora, qui, al centro, ci siamo noi», ha detto. Ed è vero. Senza il centro sportivo di Lignano Sabbiadoro, non sarebbe stato possibile né per Giada né per il triestino Matteo Parenzan, laureatosi campione del mondo venerdì sera, vincere l’oro.

Al posto giusto. Giada Rossi in attesa delle premiazioni si lascia andare alla gioia.

Come ti senti con un nuovo oro al collo? «Sento di essere al momento giusto, nel posto giusto. Non sono mai stata così felice. Sono campionessa del mondo, anche in singolare. La felicità è più grande, è totale».

I commenti dei lettori