In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
la storia

Reja, il vecchio leone di Lucinico sfida l’Italia

Mercoledì a Tirana amichevole per l’Italia con l’Albania di Edy. Il contratto del ct è in scadenza a dicembre, futuro incerto

Pietro Oleotto
Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Lo stadio è un’arena ultra moderna al centro della capitale: l’Arena Kombetare, la casa dell’Albania guidata da un friulano di Lucinico, Edy Reja. Letteralmente l’Arena Nazionale, che – potete del denaro – si è venduta a uno sponsor, come capita sempre più spesso nel calcio di oggi. Poco male, l’indicazione geografica d’origine è stata salvaguardata da Air Albania Stadium, una “navicella spaziale” composta da 21.690 seggiolini rossi e sovrastata dal una torre che la domina e riflette i raggi del sole con le sue finestre a specchio.

Il saluto di Reja a Cainero prima dell'amichevole con l'Italia: "Enzo, ci vediamo presto"

DOPPIO APPUNTAMENTO

Lì arriverà la Nazionale di Robero Mancini stasera (niente rifinitura in loco, solo una conferenza stampa alle 19.15) per preparare la prima delle due amichevoli che chiuderanno l’anno solare, domani contro l’Albania, l’altra è prevista per domenica, sempre alle 20.45, a Vienna con l’Austria. Un doppio appuntamento mesto, pensando a quello che sta succedendo nelle altre parti del pianeta, con le migliori 32 nazionali in fibrillazione per l’inizio dei Mondiali in Qatar. Tra queste non c’è l’Italia, nonostante il titolo europeo sul petto, una sorta di record delle eliminazioni brucianti. Una storia fatta di inutili pareggi, rigori sbagliati, un pizzico di presunzione e tanta paura durante gli spareggi (cannati). Tutta roba da mettere da parte, nel bagaglio.

Così oggi nella capitale albanese atterrerà proveniente da Coverciano, via Firenze (partenza alle 17.30 dopo un allenamento in mattinata sui campi del Centro tecnico federale), un’Italia con un passaporto giovane, seppur non senza sfumature di esperienza, vista la presenza di Bonucci, Acerbi e Verratti, mentre ieri è stato ufficialzzato il forfait di Toloi ed Emerson Palmieri per inserire altri due giovanotti come Parisi e Pinamonti che si aggiungono ai vari Scalvini, Miretti, Fagioli e al “worder kid” dell’Udinese, Simone Pafundi, 16 anni e appena 22 minuti di serie A sulle spalle.

EX UDINESI

È un laboratorio quello di Mancini, ovviamente: deve costruire la Nazionale del futuro e la carta d’identità conta. Sul documento c’è anche il luogo di nascita: ebbene, se Pafundi è nato a Monfalcone, non bisogna dimenticare che ci sono a disposizione altri quattro friulani in azzurro stavolta, i tre portieri dietro a Donnarumma, Alex Meret del Napoli, Guglielmo Vicario dell’Empoli e Ivan Provedel della Lazio (tutti ex Primavera dell’Udinese) mentre è tornato a casa Bryan Cristante da Casarsa.

IN SCADENZA

Chissà quanti di questi saranno messi alla prova dall’Albania di Reja, il primo ct friulano alla guida di una nazionale straniera che sfiderà l’Italia. Anni fa, quando Fabio Capello da Pieris era il commissario tecnico prima dell’Inghilterra e poi della Russia, gli incroci (anche quelli amichevoli) furono evitati, con Reja forse si è arrivati all’ultimo istante per una sfida “anima e cuore”.

A dicembre, infatti, il suo contratto con la federazione di Tirana scadrà, ma anche lui sta lavorando già per il futuro, come confermano le amichevoli della scorsa settimana disputate senza i tanti giocatori che disputano i campionati all’estero. Chissà che il vecchio leone di Lucinico non ruggisca ancora fino al prossimo Europeo.

I commenti dei lettori