In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Rivoluzione Juve, si dimette l’intero Cda: Andrea Agnelli non è più presidente. Maurizio Scanavino direttore generale

Un Consiglio d’amministrazione straordinario del club bianconero sancisce la decadenza del CdA con le dimissioni di tutti i componenti. Convocata assemblea per il 18 gennaio 2023, Maurizio Scanavino nuovo direttore generale

Gianluca Oddenino
2 minuti di lettura

Una rivoluzione per cambiare la Juve. Dopo 12 anni Andrea Agnelli non è più il presidente bianconero e con lui decade tutto il Consiglio d’Amministrazione del club dopo un Cda straordinario che ha preferito fare un passo indietro, e concluderà così un’era, per evitare guai peggiori dopo tutto quel che è successo negli ultimi mesi. «Stiamo affrontando un momento delicato societariamente e la compattezza è venuta meno - ha scritto Agnelli in una lettera ai dipendenti -: meglio lasciare tutti insieme, dando la possibilità ad una nuova formazione di ribaltare quella partita». È un fulmine a ciel sereno quello che sconvolge il mondo juventino, quando poco prima delle dieci di sera viene pubblicato un lungo comunicato in cui si prende la decisione di rinnovare l’intero Consiglio di amministrazione, dopo le dimissioni di tutti e dieci i componenti, oltre a modificare il progetto di bilancio di esercizio e il bilancio consolidato al 30 giugno 2022, pubblicare il comunicato stampa contenente le informazioni richieste dalla Consob, conferire a Maurizio Scanavino il ruolo di direttore generale e convocare l’assemblea degli azionisti per il 18 gennaio 2023.

Il sipario cala dopo aver corretto un bilancio con 254 milioni di euro di perdite, in attesa dell’approvazione degli azionisti il 27 dicembre (due volte l’assemblea è stata rinviata, slittando dal 28 ottobre al 23 novembre), mentre l’inchiesta della Procura di Torino ha chiuso l’inchiesta sulle plusvalenze sospette degli ultimi anni e la contestata “manovra stipendi” con 16 indagati, tra cui lo stesso presidente bianconero e i principali dirigenti. La decisione è maturata dopo un lungo e teso CdA nella sede della Continassa, dove Daniela Marilungo (consigliere indipendente e membro del “Comitato Controllo e Rischi”) ha motivato le dimissioni sostenendo l’impossibilità di esercitare il proprio mandato con la dovuta serenità e indipendenza anche, ma non solo, per il fatto di ritenere di non essere stata messa nella posizione di poter pienamente “agire informata” a fronte di temi di sicura complessità. Il CdA non ha condiviso e «su proposta del Presidente Andrea Agnelli - recita il comunicato del club -, tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione presenti alla riunione hanno dichiarato di rinunciare all’incarico. Per le stesse ragioni, ciascuno dei tre amministratori titolari di deleghe (il Presidente Andrea Agnelli, il Vice-presidente Pavel Nedved e l’Amministratore Delegato Maurizio Arrivabene) ha ritenuto opportuno rimettere al Consiglio le deleghe agli stessi conferite. Il Consiglio ha, tuttavia, richiesto a Maurizio Arrivabene di mantenere la carica di Amministratore Delegato. Juventus continuerà a collaborare e cooperare con le autorità di vigilanza e di settore, impregiudicata la tutela dei propri diritti in relazione alle contestazioni mosse contro i bilanci e i comunicati della Società dalla Consob e dalla Procura».

Il passaggio è significativo, anche perché la Juve dopo nuovi consulti legali sul caso delle “manovre stipendi” ha deciso di «rivedere al rialzo la stima di probabilità di avveramento delle condizioni di permanenza in rosa per quei calciatori che nel biennio 2019/20-2020/21 hanno rinunciato a parte dei compensi e con cui sono state successivamente concluse integrazioni salariali o “loyalty bonus”», con novità attese nella semestrale al 31 dicembre 2022. Ora, però, c’è da trovare un nuovo presidente nella stagione che porta al centenario ella famiglia Agnelli alla guida della Juventus

Il comunicato

I commenti dei lettori