In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Almanacco dell'Innovazione - 13 novembre 1965

Ibm ci presta un computer, e il presidente Saragat inaugura il centro che ci porterà su Internet

La sede del Cnuce in via Santa Maria
La sede del Cnuce in via Santa Maria 
1 minuti di lettura

Se il 1961 “è l’anno che cambiò l’informatica italiana”, come si dice oggi a Pisa per i 60 anni della Calcolatrice Elettronica Pisana, il 13 novembre è il giorno da celebrare. Perché il 13 novembre 1961 venne inaugurata la Cep, ma 4 anni dopo, sempre il 13 novembre e sempre a Pisa, nasce il Cnuce, il Centro nazionale Universitario di Calcolo elettronico.

Se non vi dice nulla, pazienza, ma sappiate che se un giorno di moltissimi anni dopo, l’Italia è stata uno dei primi Paesi a collegarsi alla nascente rete Internet, lo dobbiamo al Cnuce e ai suoi ricercatori (lo racconta anche un documentario che ho scritto per RaiPlay). Per i pionieri dell’informatica nostrana, Cnuce non è una sigla, ma il nome di una stagione epica.

Insomma, non so se questa storia del doppio 13 novembre fu soltanto una coincidenza, ma non fu una coincidenza il fatto che i due eventi si svolsero a Pisa. Che era, e per certi versi resta, la capitale dell’Internet italico.

La vicenda del Cnuce è presto detta: nel 1963 il professor Alessandro Faedo, rettore dell’ateneo pisano, era andato in viaggio negli Stati Uniti dove aveva incontrato il vicepresidente della Ibm, Eugenio Fubini (figlio del famoso matematico Guido). Grazie a Fubini aveva potuto visitare una stabilimento dove veniva assemblato l’Ibm 7090, un computer a transistor di seconda generazione che era stato progettato per applicazioni scientifiche su larga scala. Qui Faedo aveva scoperto che gli acquirenti di quella macchina erano diverse università del mondo, ma neanche una europea e aveva detto più o meno: “Visto che presto la 7090 diventerà obsoleta (stavano arrivando i primi circuiti integrati, ndr), perché non ce ne donate un paio?”. Non sappiamo se fu grazie a questa richiesta del professor Faedo che la Ibm decise di mettere a disposizione di 3 università europee altrettanti 7090 per 5 anni. Le tre università scelte erano Londra, Copenaghen e Pisa, dove era già in funzione la mitica Cep.

La convenzione pisana fu firmata il 5 luglio 1965 e il 13 novembre, alla presenza del presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, la 7090 fu messa in funzione. Non faremo qui la storia del Cnuce, ma diremo solo che i suoi ricercatori svolsero un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’attività spaziale italiana grazie a Stefano Trumpy; e in quello delle reti con i progetti Rpcnet, Stella e Osiride del professor Luciano Lenzini. Le due attività ebbero il loro apice probabilmente il 30 aprile 1986 quando l’Italia sarà collegata alla rete Internet.