In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
I social e la guerra

La scelta di Facebook e Instagram: “Consentiti i post che augurano la morte a Putin”

La scelta di Facebook e Instagram: “Consentiti i post che augurano la morte a Putin”
(afp)
Lo stesso vale per contenuti violenti rivolti all’esercito russo o ai russi nel contesto dell’invasione, così come al presidente bielorusso Lukashenko
2 minuti di lettura

Contrordine sull’hate speech, cioè sui messaggi d’odio su Facebook e Instagram. Quelli rivolti contro la Russia, il suo presidente, Vladimir Putin, e le sue forze armate saranno consentiti. Insomma: in alcuni Paesi, post che augurino la morte all’ex funzionario del Kgb rimarranno online e non rischieranno di essere cancellati per violazione delle regole su linguaggio e contenuti violenti o pericolosi. Questa rimozione temporanea sarà valida solo in Armenia, Azerbaigian, Estonia, Georgia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia e Ucraina. Dunque anche in alcuni Paesi europei, quelli più direttamente a contatto col territorio ucraino.

Stesso discorso, a quanto ha appreso Reuters da una mail interna rivolta alle migliaia di moderatori impegnati ogni giorno a ripulire i newsfeed di centinaia di milioni di persone, anche per il presidente bielorusso, Alexander Lukashenko, alleato di Mosca e in qualche modo complice dell’invasione: gli utenti di quei Paesi potranno invocarne la morte, a patto che i loro post e commenti non contengano indicazioni specifiche di rischio e di modalità o non riguardino altri soggetti. È molto chiaro il riferimento allo storico principio giuridico del cosiddetto Clear and Present danger, cioè della presenza di una minaccia evidente e imminente, come unico limite alla soppressione della libertà di parola. Insomma, se si tratta di sfoghi, per quanto violenti, quelle frasi o quei contenuti di solito vietati e che rimarranno proibiti in molti mercati, saranno consentiti.

Mosca, che in patria ha bloccato da giorni tutti i prodotti Meta, così come le altre piattaforme, imprigionando i suoi cittadini in una distopica bolla propagandistica, ha ovviamente reagito, chiedendo agli Stati Uniti di porre fine a quelle che sono state definite “le attività estremiste” del colosso di Menlo Park: “Chiediamo alle autorità di prendere misure per portare i responsabili di fronte alla giustizia - si legge in un tweet ai limiti del surreale apparso sul profilo dell'ambasciata russa negli Stati Uniti - Gli utenti di Facebook e Instagram non hanno dato ai proprietari di queste piattaforme il diritto di determinare i criteri della verità e di mettere le nazioni l'una contro l'altra”.

La scelta di Meta sembra al contrario piuttosto chiara: “Come risultato dell'invasione russa dell'Ucraina, abbiamo temporaneamente concesso forme di espressione di opinioni politiche che normalmente violerebbero le nostre regole, come discorsi violenti che invochino la morte agli invasori russi. Ma continueremo a non consentire appelli credibili alla violenza contro i civili russi”, ha spiegato un portavoce del gruppo in una nota.

Entrando nel dettaglio, questo genere di espressioni saranno permesse e dunque mantenute online solo quando riguardino soldati russi, eccetto prigionieri di guerra, o si rivolgano a cittadini russi ma solo nel contesto dell’invasione dell’Ucraina, per esempio se il contenuto menziona l'invasione, l'autodifesa e così via. Oltre, ovviamente, ai due presidenti. Per converso, sempre temporaneamente vengono rimossi i limiti che impedivano di lodare e parlare del famigerato Battaglione Azov, una formazione di ispirazione neonazista inquadrata nella Guardia nazionale Ucraina, ma sempre a patto che se ne parli “nello stretto contesto della difesa dell'Ucraina o del suo ruolo come parte della Guardia nazionale Ucraina”.

Il gruppo, interpellato da France Presse, non ha confermato che la deroga varrà solo per alcuni Paesi specifici, come invece sembra emergere dalle comunicazioni interne diffuse da Reuters. Potrebbe insomma applicarsi anche ad altri mercati.