In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Cosa si sono detti Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg dopo le dimissioni della manager

Cosa si sono detti Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg dopo le dimissioni della manager
(afp)
Ricordi, aneddoti ma anche decisioni sul futuro dell’azienda e su chi la guiderà (e come). Il colloquio tra le due persone che hanno costruito Meta negli ultimi 14 anni, a cui hanno assistito i dipendenti, è finito online
3 minuti di lettura

Il giorno dopo le dimissioni di Sheryl Sandberg da Meta, di cui è stata a lungo direttore operativo, i dipendenti dell’azienda hanno partecipato a un meeting virtuale di 30 minuti: una “fireside chat” tra il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, e la donna che per 14 anni è stata di fatto la numero due del colosso di Menlo Park. Recode, una testata di Vox Media, ha ottenuto la registrazione dell’incontro e ha pubblicato la trascrizione integrale della conversazione, a cui i dipendenti - a differenza dei Q&A che solitamente Meta tiene ogni settimana - non hanno potuto partecipare con domande dirette.

“La gente me l’ha chiesto, ieri, tutto il giorno: ‘Perché ora?’ - ha detto Sandberg -. Il motivo è che è tempo di scrivere un nuovo capitolo della mia vita. E anche perché, davvero, ho una grande fiducia nella leadership che Mark e io abbiamo costruito”.

Questa, insomma, la motivazione ufficiale. Ma secondo il Wall Street Journal ci sarebbe dell’altro. Da un lato le vicende personali, e quel senso di “burnout” - crollo emotivo - che avrebbe confidato ai collaboratori più stretti, causato dalla sensazione di essere diventata un “punching ball” per tutti i problemi legati all’azienda. Dall’altro pesano due indagini sul suo conto: la prima sulle pressioni che Sandberg avrebbe fatto su un tabloid britannico per far archiviare un articolo sul suo ex compagno Bobby Kotick, la seconda sulle risorse aziendali che sarebbero state usate per il matrimonio con Tom Bernthal.

Le dichiarazioni di Zuckerberg e Sandberg non contengono retroscena sconvolgenti, per chi è a caccia di scoop sui reali motivi per cui la manager ha lasciato Meta dopo 14 anni. Ma quello che hanno detto è interessante per diversi motivi: lasciandosi andare ai ricordi, Sandberg aggiunge molto a ciò che sappiamo della cultura aziendale di Facebook (poi diventato Meta) e della visione e delle strategie del suo fondatore. Zuckerberg, invece, ha celebrato la sua storica collaboratrice ma anche colto l'occasione per spiegare ai dipendenti chi ci sarà ora ai vertici dell'azienda e come opereranno i sostituti di Sandberg.

Questi sono i momenti salienti della conversazione tra Zuckerberg e Sandberg:

Mark Zuckeberg

“Quando Sheryl si è unita a Facebook, nel 2008, avevo 23 anni. All'epoca sapevo poco sulla gestione di un'azienda. Avevamo un ottimo prodotto, era un sito web, non una app mobile, era solo Facebook. Era un ottimo prodotto di cui le persone erano super entusiaste. Ma non avevamo davvero nulla che potesse essere considerata un'attività redditizia”.

“Gran parte di ciò che ha fatto Sheryl è stato organizzare la nostra attività pubblicitaria, assumere molte persone fantastiche, costruire la nostra cultura manageriale e insegnare a me e a tante altre persone qui come gestire un'azienda”.

“Sono super grato per aver avuto questa opportunità di costruire questa azienda e lavorare così a stretto contatto con Sheryl, e sento che ci sta lasciando in un posto fantastico dopo aver formato così tante altre persone fantastiche e di talento. E, naturalmente, non andrà molto lontano perché in futuro farà parte del nostro consiglio di amministrazione”.

Sheryl Sandberg

“Ho incontrato Mark a una festa. Siamo rimasti a lungo  in piedi vicino al muro vicino alla porta e abbiamo parlato tutto il tempo. E poi siamo andati a cena fuori una volta ma Mark era molto noto. Io non lo ero, ma avevo un grande team in Google. E qualcuno di quella squadra ci ha visto insieme a tavola, quindi non siamo usciti di nuovo. Abbiamo cenato a casa mia, invece. Non potevamo farlo a casa di Mark perché Mark, lui se lo ricorda, aveva un monolocale con un materasso per terra. E non era il caso di cenare lì con me”

“Penso al modo in cui il confronto con Mark mi ha spinto a fare meglio. Mi ha spinto a essere ambiziosa fino in fondo. Ricordo quando ci fu il crollo (globale dell’economia) del 2008 e  pensavo che non avremmo mai venduto un altro annuncio pubblicitario. E le nostre proiezioni di entrate per il 2009 per Mark non erano “abbastanza buone”. E io ho detto: "Beh, sai, i mercati crollano e il mondo intero sta implodendo". E sembrava che non sarebbe mai arrivata la fine della recessione. Ma Mark ha detto: "Beh, dobbiamo ancora vendere annunci e costruire il business anche in questa condizione". E lo abbiamo fatto”.

“Uno degli altri momenti a cui ho sempre pensato è che Mark ha sempre detto che ci sono due modi per far fallire un'azienda. Un modo è stabilire piani ambiziosi e non realizzarli. Ma il secondo modo è stabilire piani che non sono ambiziosi e che invece dovrebbero esserlo. Mark diceva sempre: ‘Non voglio mai che ci accada il secondo: che non avremo piani che non riusciremo a realizzare. Se guardi a dove si trova l'azienda in questo momento, il piano del metaverso è ambizioso e questo è Mark al suo meglio”.

Mark Zuckerberg

“La prima cosa che vorrei fosse chiara è che non sostituiremo il ruolo di Sheryl così com’è ora, per alcuni motivi. Uno è che sarebbe impossibile. Sheryl è un leader unico e super talentuoso che si è unito in un contesto specifico della nostra azienda in cui c'erano diversi rami che dovevano essere costruiti da zero al di là del prodotto”.

“Penso che abbia molto più senso integrare business e prodotto, piuttosto che fare in modo che queste siano due parti separate dell'azienda. Javi Olivan sarà il prossimo COO dell'azienda. Mentre Marne Levine è il nostro chief business officer per l'azienda e tutto il gruppo aziendale Meta. Ma è importante sottolineare che il ruolo di direttore operativo di Javi Olivan sarà diverso da quello che ha avuto Sheryl. Sarà un ruolo di COO più tradizionale, in cui Javi si concentrerà principalmente internamente e operativamente. E nella maggior parte dei casi non credo avrà rapporti all’esterno. Il rappresentante pubblico dell'azienda sarà Marne Levine, come chief business officer”.