Startup

Starcks: fa scambiare le monete digitali delle star del calcio e ha già raccolto un milione di euro

Starcks: fa scambiare le monete digitali delle star del calcio e ha già raccolto un milione di euro
Il primo progetto italiano che unisce sport e web 3.0: attraverso la sua piattaforma rende possibile scambiare cryptovalute delle star del calcio che, grazie a un algoritmo proprietario, verranno direttamente collegate alle prestazioni sportive di ciascun calciatore durante la stagione agonistica
1 minuti di lettura

Salto in alto di Starcks, la startup italiana che rende possibile comprare e scambiare le monete digitali delle star del calcio: dopo che a febbraio di questo 2022 un gruppo di imprenditori del mondo dello Sport (guidato da Alessandro Moggi) ha fondato la società con il supporto del venture builder WDA di Roberto Macina e Mario Costanzo. ha già 1 milione di euro raccolti da angel investor e fondi early stage, somma investita già per lo sviluppo del progetto e la contrattualizzazione delle prime Star.

"Il primo a creare un filo diretto con i suoi fan - spiegano a Starcks - sarà il capitano della SS Lazio e capocannoniere della Serie A Ciro Immobile, portabandiera di questa iniziativa. Il nome di Immobile sarà associato a una moneta digitale, lo Star Player Token, a partire dal 30 Settembre. Seguiranno la discesa nel crypto-campo, pronti a lanciare i propri Token, altri talenti della Serie A fra cui Davide Frattesi, Gianluca Scamacca e Nico Gonzales".

I numeri per capire la potenzialità di questa startup sono in costante crescita. Ad oggi si contano 356 milioni di persone nel mondo in possesso di un wallet (portafoglio elettronico) che utilizzano regolarmente prodotti e servizi legati alla Blockchain. Di questi portafogli elettronici, quelli dedicati al mondo dello sport raccolgono una spesa di almeno 1,6 miliardi di euro all'anno.