In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
Analisi

La profezia sbagliata sull'ecommerce

La profezia sbagliata sull'ecommerce
Durante i lockdown, analisti e aziende avevano previsto un cambio radicale nelle vendite dei prodotti. La scommessa era che le comodità offerte dall'ecommerce avrebbero cambiato per sempre le abitudini dei consumatori. Non è andata così 
2 minuti di lettura

Forse previsioni sbagliate. Più probabile, un eccesso di ottimismo. Sta di fatto che la rivoluzione dell’ecommerce non c’è stata. Non quella rivoluzione permanente che gli analisti immaginavano che la pandemia avrebbe innescato nel commercio di beni e servizi. Lo dicono i dati. Lo confermano gli studi di settore. Il quadro indica che dopo l’onda che ha spinto gli acquisti online, oggi il commercio elettronico sta vivendo la risacca del ritorno alla normalità. Acque in ritirata, ma non senza lasciare traccia nei comportamenti dei consumatori, oramai abituati alla velocità e all’efficienza tipiche dei canali di vendita online.

Una previsione sbagliata

Agli inizi del 2020, quando la maggior parte degli esercenti in ogni angolo del mondo è stata costretta a tenere basse le saracinesche per arginare la diffusione del Covid-19, si è assistito a una crescita dell'ecommerce senza precedenti. Molti analisti avevano immaginato un cambio radicale, e permanete, delle abitudini dei consumatori. Chi sarebbe tornato a comprare nei negozi dopo aver provato la comodità dell’online? Previsione sbagliata. Negli Stati Uniti si sono pubblicati i primi dati sul commercio elettronico prima e dopo la pandemia.

Un’analisi Ubs, riportata da Bloomberg, ha evidenziato che in alcune categorie, come l'abbigliamento, la percentuale di vendite effettuate online è tornata ai livelli precedenti la pandemia. Non solo. Negli ultimi cinque trimestri secondo la crescita delle vendite online è stata inferiore a quella dell'intero settore del commercio al dettaglio. Mentre il rallentamento dell’ecommerce sta avvenendo di pari passo con un altro fenomeno: l’aumento della spesa per viaggi e intrattenimento. Negli Usa almeno.

Liscia (Netcomm): "Trend registrato anche in Italia, ma l'ecommerce è l'11% delle vendite"

E in Italia? “È un trend che avvertiamo anche qui”, spiega a Italian Tech Roberto Liscia, presidente di Netcomm, autorevole bussola dell’ecommerce in Italia.”Una crescita ci sarà anche quest’anno, del 20%. Ma solo l’8% arriverà dalla vendita di prodotti mentre il 59% verrà da altri servizi, come il turismo. La vendita dei prodotti cresce meno dopo aver segnato un +47% nel 2020 e un + 18% nel 2021”. Ma il dato, anche se certifica una contrazione, “non deve trarre in inganno”, aggiunge. “Oggi l’11% di tutti i prodotti acquistati in Italia sono stati venduti online. La percentuale è uguale a quella dello scorso anno. Molti compratori sono oramai abituati a comprare online”, aggiunge Liscia.

Insomma, a oltre un anno dalle riaperture, la nuova propensione oggi è tornare a uscire di casa. La crescita impetuosa dell’ecommerce, che un po’ in tutto il mondo ha registrato tassi di crescita analoghi a quelli registrati in Italia, rallenta. Una fotografia la offre anche l’andamento dei titoli dei colossi del settore a Wall Street. Amazon ha perso il 32% nei primi nove mesi dell’anno, Shopify l’80%, ma anche Airbnb ha perso il 32% in un quadro che vede l’S&P 500 cedere finora il 25% della propria capitalizzazione.

La divisione di vendite online di Amazon, la chiave di volta su cui Jeff Bezos ha costruito il suo impero dell’ecommerce, ha registrato vendite in calo per due trimestri di fila, riporta il Financial Times. Un dato in netto contrasto con il periodo della pandemia, quando la domanda ha raggiunto livelli di crescita record e vendite aumentate del 40%. Il Prime dai straordinario della seconda settimana di ottobre sarebbe da leggere quindi come un tentativo di invertire il trend in calo. Mentre l'abbonamento Prime è salito di 13,9 euro a 49,9 euro l'anno

Dietro il calo dell'ecommerce, un'opportunità per i canali fisici

Colpa dell’inflazione. Certo. Ha raggiunto livelli mai visti da 40 anni negli Usa e morde anche nel Vecchio Continente. Ma i dati spiegano che la spesa dei consumatori non è crollata. Solo negli Usa la vendita al dettaglio è aumentata dello 0,8%. In Italia, secondo l’Istat, l’aumento a luglio è stato dell’1,3%. Dato in linea con i principali mercati europei.

Ma il ritorno ai canali fisici porta con sé comunque una traccia di quello che è stato durante i periodi di lockdown.   “E anche se ritornano ai canali offline i consumatori cercano dai canali di vendita fisici ciò che hanno esperito in quelli online: pagamenti elettronici, velocità di consegna e buona logistica”, aggiunge Liscia, perché “l’online ha alzato l’asticella delle performance”. Un’opportunità per chi ne saprà approfittare in termini di efficienza dei pagamenti e soddisfazione dell’esigenza dei clienti.