Cosa vede una Tesla

Cosa vede una Tesla
2 minuti di lettura

La mobilità del futuro sarà caratterizzata da una nuova classe di veicoli, per buona parte diversi da quelli che conosciamo oggi, anche se l’obiettivo sarà sempre quello di spostare con facilità ed efficienza cose e persone. Si tratterà di veicoli a propulsione prevalentemente elettrica, connessi tra loro grazie a reti 5G e 6G e in massima parte autonomi in termini di capacità di guida.


Oggi siamo abituati a veicoli che, nella migliore delle ipotesi, sono dotati di ausili che consentono di automatizzare alcuni gesti tipici della guida e di aumentare il livello di sicurezza. Pensiamo agli strumenti che consentono a un’auto di seguire il veicolo di fronte mantenendo la distanza di sicurezza oppure di stare all’interno della corsia di marcia o, ancora, di frenare automaticamente per evitare collisioni con altri veicoli o con pedoni. Si tratta di grandi passi avanti rispetto alla guida tradizionale e nel mondo esistono numerose sperimentazioni di ulteriori automatismi in ambienti controllati; tuttavia queste funzionalità sono lontanissime dal consentire una guida completamene autonoma.

Uno dei produttori più evoluti nel comparto dei veicoli elettrici e della guida autonoma è Tesla, che nel 2015 è stata indicata da Forbes come l'azienda più innovativa al mondo e che a Marzo 2020 ha raggiunto il traguardo di 1 milione di auto elettriche prodotte, prima fra tutte le case automobilistiche.

Tesla è famosa nel mondo dell’automotive anche per il suo celebre “autopilot”, un complesso ecosistema tecnologico in grado di offrire funzionalità avanzate di assistenza alla guida e di consentire un’automazione del veicolo di Livello 2. In questa configurazione il sistema è in grado di acquisire il controllo del veicolo in alcune particolari situazioni di guida, anche se il conducente non può distrarsi e deve comunque essere sempre in grado di riprenderne il controllo. Le funzionalità attualmente attive sono: il mantenimento del centro della corsia, il cruise control in grado di gestire il traffico, i cambi di corsia automatici, la navigazione semi-autonoma in autostrada, il parcheggio autonomo e l’uscita autonoma da un garage o da un parcheggio.

In questo video è possibile comprendere quello che un sistema di questo tipo è in grado di percepire dall’ambiente circostante. Il risultato si ottiene addestrando reti neurali profonde su problemi che per l’essere umano sono abbastanza semplici, ma che per un veicolo autonomo possono davvero rappresentare uno scoglio in termini di complessità, si va dalla percezione nei dettagli dell'ambiente circostante alla comprensione della segnaletica, dalla previsione del comportamento degli altri veicoli o pedoni presenti sulla strada, fino al controllo completo della dinamica di guida. La base di conoscenza a cui fa affidamento questo sistema è costituita dalla conoscenza condivisa di più di un milione di veicoli che girano nelle strade di tutto il mondo, questo consente di migliorare le scelte e i comportamenti di guida sulla base dell’esperienza accumulata anche da altri veicoli in altri contesti e consente a questi sistemi di essere preparati anche a situazioni che non hanno mai affrontato.
L'Autopilot di Tesla coinvolge 48 reti neurali che impiegano 70.000 ore di GPU per l'addestramento e insieme producono 1.000 tensori distinti, cioè diverse previsioni, per ogni intervallo di tempo.

L’ambizione di Tesla è naturalmente di arrivare in tempi breve al Livello 5: l’automazione completa, la modalità con cui il sistema avrà il completo controllo del veicolo e potrà funzionare in tutte le condizioni e situazioni senza intervento umano. Autoveicoli di questo tipo probabilmente non saranno dotati della postazione di guida a cui siamo abituati, al contrario saranno dei veri e propri salottini viaggianti, in grado di trasportare persone in completa sicurezza ed efficienza.

 

 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito