In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Non cliccare

2 minuti di lettura

Se ci fosse davvero un Ordine dei giornalisti ora sapremmo. Sapremmo se erano nel giusto i giornali (tanti) che hanno pubblicato il video degli ultimi istanti di vita dei passeggeri della funivia del Mottarone. O i pochi che non lo hanno fatto. Oppure quelli che lo hanno fatto prendendo contemporaneamente le distanze da quello che stavano facendo (chiaro esempio di chi non fa mai pace con se stesso). O quelli che hanno premesso il lacerante dibattito interno prima di pubblicarlo per assolversi. O infine quella testata che prima lo ha pubblicato e poi ha pubblicato la nota, durissima, della procura della Repubblica di Verbania che dice è stato illegale pubblicarlo e, peggio ancora, se possibile, immorale. Tipico esempio di commedia all'italiana.

Se ci fosse un Ordine dei giornalisti, davvero, potremmo capire dove si fermano i diritti e iniziano i doveri dei giornalisti in questa epoca complessa, digitale, velocissima, in cui un video agli atti di una inchiesta si rilancia al mondo intero con un clic e poi non lo fermi più e se fai di mestiere il giornalista ti senti come quelli che devono svuotare il mare con un cucchiaio. Inutile. Su Twitter, dove le sentenze sono immediate, affilate e spesso assomigliano a gogne, i giornalisti, come categoria, sono stati condannati senza attenuanti. Non credo interessi a nessuno sapere se io lo avrei pubblicato o no quel video (sono tutti fenomeni, da fuori). Ma credo sia importante fissare alcuni punti fermi, da cui non dovremmo derogare se non vogliamo finire anche noi, come comunità sociale, in una scarpata. Il primo è che no, questo video, non è come quello fatto con il telefonino dalla giovane Darnell Frazier mentre i poliziotti stavano ammazzando il povero George Floyd il 25 maggio 2020 a Minneapolis. Quello fu un atto di coraggio che è servito a provare quello che era accaduto; nel video delle telecamere di sorveglianza della funivia non c’è sicuramente nessun coraggio. Allora si può paragonare al video dell’attentato alle Torri Gemelle del 2001 o quello dell’omicidio di Kennedy del 1963, come ha fatto qualcuno? Non lo so, ma so che mentre si discute di questi temi qualcosa potremmo fare, come cittadini. Non cliccare su certi video. Non cliccare anche se c’è scritto che certe immagini potrebbero urtare la nostra sensibilità. Non cliccare anche se quell’avviso è fatto apposta per mettere le mani avanti e intanto accendere il lato morboso della nostra curiosità.

Se alcuni fanno la scelta di pubblicare, noi possiamo ancora scegliere di non cliccare. Io non cliccavo sui video dove si vedevano i terroristi mozzare le teste di poveri ostaggi occidentali. Non clicco per assistere alla morte in diretta. Non clicco in genere sui troppi titoli che sui siti web cercano in tutti i modi di farmi cliccare su post luccicanti come le patacche vendute in certi mercati. Forse nell'era di Internet non possiamo impedire che qualcuno pubblichi quello che vuole. Ma possiamo non cliccare. Sempre meglio svuotare il mare con un cucchiaio che continuare a inquinarlo.