In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Il lavoro dopo la pandemia

Il lavoro dopo la pandemia
2 minuti di lettura

Sostiene il Financial Times che l’introduzione di robot nei posti di lavoro stia accelerando. E non sarebbe una brutta notizia. I lavoratori, è la tesi, hanno sempre temuto di essere sostituiti dai robot ma ora le cose sono cambiate: i robot sarebbero divenuti l’unica soluzione davanti alla mancanza di lavoratori disponibili in certi settori. Fra gli esempi ci sono alcuni lavori particolarmente noiosi in banca o lavori faticosi nei magazzini che vivono una impennata di domande dovuta all’esplosione dell’ecommerce con consegna in giornata. 

Questa tesi coincide con quanto il Washington Post scriveva all’inizio di settembre a proposito di “un mistero” che circonda il mercato del lavoro negli StatI Uniti: 10 milioni di posti di lavoro disponibili e 8,4 milioni di disoccupati. Come è possibile? Secondo il quotidiano di proprietà di Jeff Bezos, e quindi di uno dei maggiori responsabili della automazione del lavoro, dopo la pandemia sarebbe in corso un “Grande Riassestemento” del lavoro: “I lavoratori stanno cambiando priorità su dove vogliono lavorare e come. Per alcuni, è una scelta personale. La pandemia e tutte le ansie, i lockdown e il tempo trascorso a casa ci hanno cambiati. Adesso alcuni vogliono lavorare a distanza per sempre. Altri vogliono trascorrere più tempo in famiglia. Altri ancora vogliono percorsi di carriera più flessibili e sensati. E’ la mentalità “si vive una volta sola” potenziata. Nel frattempo le aziende stanno puntando sull’automazione e ridisegnando la catena produttiva e la sistemazione degli uffici”. 

Va detto che i due articoli si riferiscono a mercati del lavoro molto diversi dal nostro: mentre in Italia c’era il blocco dei licenziamenti, negli Stati Uniti c’era un picco di licenziamenti, con aiuti direttamente ai lavoratori che in molti hanno usato per aprire nuove aziende, mettersi in proprio. Ma faremmo un errore a sottovalutare le tendenze in atto: da un lato le aspettative dei lavoratori dopo la pandemia sono cambiate anche qui, dall’altro l’automazione di certi mestieri accelera inevitabilmente. Insomma la cosa da fare subito è investire in un grande piano di “reskilling” delle persone, consentire loro di avere competenze per impieghi diversi da quelli che faranno i robot, tipo spostare i pacchi nei magazzini; e dall’altro incoraggiare una flessibilità intelligente. Ancora qualche giorno fa un direttore di giornale parlava dello smart working come di un attentato all’ordine sociale. In che modo, esattamente, sto attentando all’ordine sociale mentre scrivo queste note dal treno che mi porta a Torino? 

Il futuro del lavoro di cui abbiamo parlato per anni è arrivato: possiamo fare finta di nulla per un po’ perché abbiamo un sistema sostanzialmente bloccato, ma se non faremo nulla, se non investiremo sulle persone, sulle loro competenze e su modalità di lavoro meno borboniche, si aprirà un problema enorme. Allora sarà stata la nostra ottusità, non lo smart working, ad attentare all’ordine sociale.