In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
L'iniziativa

La privacy di 5 milioni di bambini

La privacy di 5 milioni di bambini
Dal diritto alla privacy passa la nostra libertà. Oggi a Napoli l'Autorità garante riunisce gli esperti per chiedere loro impegni concreti per farlo scoprire ai più piccoli
1 minuti di lettura

Non mi ricordo la prima volta che il tema privacy è arrivato nella mia vita. Forse fu nel 1997, quando a Parigi morì Lady Diana, in un incidente stradale, mentre la sua auto era inseguita da una muta di paparazzi (“aveva diritto alla privacy”, si disse, ma non tutti furono d’accordo).

O quando ci fu l’orribile delitto di Cogne, nel 2002, e molti giornali pubblicarono anche troppi dettagli. Poi mi ricordo che il tema veniva e a volte ancora viene sollevato ogni volta che vengono diffuse le intercettazioni telefoniche delle indagini giudiziarie, compresi particolari che, appunto, violano la privacy degli indagati.

Insomma la privacy un tempo era soprattutto uno strumento per arginare gli eccessi di fotografi e giornalisti. (Del resto una delle prime dissertazioni del diritto alla privacy è della fine dell’800, negli Stati Uniti, ed era stata causata dalla diffusione delle prime macchine fotografiche).

Poi è arrivato il web, che navighiamo allegramente facendo registrare ogni nostra scelta da decine di software spia che non conosciamo; e sono arrivati i social, dove creiamo in continuazione contenuti senza essere consapevoli di chi li potrà guardare e per quanto tempo. Insomma la privacy un tempo era una cosa da vip, adesso riguarda tutti noi.

Da quel diritto passa la nostra libertà (quando qualche giorno fa il Parlamento europeo ha parlato di assenza di democrazia in Ungheria lo ha fatto anche per ripetute violazioni della privacy che consentono uno stato di sorveglianza di massa).

Questa cosa a noi adulti, che abbiamo vissuto l’epoca pre web, dovrebbe essere evidente, meno ai giovanissimi che sono nati in mondo digital e social che navigano indifesi. Per questo oggi l’Autorità Garante ha riunito a Napoli tutti gli esperti e gli addetti ai lavori chiedendo loro di prendere un impegno solenne per far scoprire la privacy a 5 milioni di bambini.

Per esempio stampando opuscoli da distribuire alle feste nei fast food. Si tratta di un traguardo importante ma difficilissimo da raggiungere. Anche perché quasi sempre sono i genitori che raccontano le vite dei loro bimbi sui social senza alcuna attenzione alle conseguenze.

I primi a dover essere educati siamo noi adulti ma evidentemente il Garante pensa che siamo un caso disperato: più facile ottenere un risultato parlando ai bambini.