Con Ramon Jaffè inizia la stagione in memoria di Vendramelli

UDINE. «Da quest’anno abbiamo scelto di iniziare un percorso per ricordare la figura del musicista triestino Adriano Vendramelli. Una scelta per non fare cadere nell’oblio il considerevole lavoro di...

UDINE. «Da quest’anno abbiamo scelto di iniziare un percorso per ricordare la figura del musicista triestino Adriano Vendramelli. Una scelta per non fare cadere nell’oblio il considerevole lavoro di semina di questo grande violoncellista e collezionista d’arte che quest’anno verrà ricordato tramite la presenza di grandi violoncellisti internazionali».

Così il direttore Claudio Mansutti presenta il concerto di inaugurazione della Stagione musicale della Fondazione Luigi Bon sostenuta dalla Regione FVG, dal Comune di Tavagnacco e Pagnacco, oltre che da alcuni privati come le ditte Moroso, Feruglio Engineering, Idroelettriche Gestioni Friulane, Studio Legale Mansi.

Domani, sabato, alle 20.45 si comincerà con il concerto del violoncellista Ramon Jaffè e dell'Accademia d’archi Arrigoni diretta da Domenico Mason, nell’ottica, sempre importante per la fondazione colugnese, di abbinare i talenti della nostra regione ad artisti di fama internazionale.

Il programma prevede il meraviglioso e famoso Concerto in DO magg. N 1 per violoncello e orchestra di J. Haydn, Graciela y Buenos Aires per violoncello e archi di J. Bragato, la Sinfonia per archi n. 9 in Do magg. La Suisse di F. Mendelssohn Bartholdy. Un viaggio musicale in cui saremo condotti dalla periodo classico attraverso il romanticismo per approdare alla musica di Bragato, celebre violoncellista e arrangiatore di Astor Piazzolla nato a Udine ed emigrato in Argentina.

Ramon Jaffé ha suonato con Sandor Vegh durante la sua ultima grande esibizione come violinista al Mozarteum di Salisburgo. La carriera solistica l’ha condotto nelle sale concertistiche di Berlino, Lipsia, Vienna, Monaco di Baviera, Londra, Colonia.

Vellutata di asparagi al latte di cocco

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi