Teho Teardo a “In/visibile cities”

Presentata ieri a Gorizia la prima edizione del festival multimediale. Dal 3 giugno

GORIZIA. Un grande evento unico, avanzatissimo per molti aspetti, che può competere con i numeri e le qualità di èStoria. Si tratta di “In/visibile cities Urban multimedia festival”, prima edizione, in programma dal 3 al 7 giugno a Gorizia tra installazioni, concerti, workshop e spettacoli interattivi, alcuni dei quali inediti in regione sotto il profilo tecnologico, culturale e imprenditoriale. A spiccare, la performance con Teho Teardo sul mosaico della Transalpina (venerdì 5 giugno) con alle spalle un videomapping a base di fotografie della città nel periodo della Grande guerra, ma anche il concerto de I bachi di pietra, (il 4 in piazza Vittoria) e la riproposizione dello spettacolo multimediale Nora Gregor- Il continente perduto della memoria. Ci saranno poi, anche in date successive al festival, spin-off internazionali dedicati ai progetti migliori della manifestazione a Londra, in Olanda, a Lubiana, Capodistria e Pola, oltre ad alcuni eventi e performance che si terranno a Trieste, Nova Gorica e Miren-Kostanjevica. Tra quest'ultimi, un appuntamento organizzato il 3 giugno nel capoluogo giuliano con AcegasApsAmga, nell’ambito del progetto Smart cities, rivolto alla mappature delle perdite idriche.

La manifestazione è stata presentata ieri alla mediateca Ugo Casiraghi da Alessandro Cattunar e da Laura Richielli dell’associazione organizzatrice, la “Quarantasettezeroquattro”, dal sindaco Ettore Romoli e da un rappresentante di Acegas. Non a caso, il Comune sostiene la manifestazione come sponsor, anche se alla base c’è un progetto europeo e molti altri enti locali. «Gli obiettivi della manifestazione sono ampi, non si tratta solo di cultura ma di reinventare una città» - ha spiegato Cattunar, ricordando che «il visual parte infatti dall’immagine di un negozio vuoto». Così, alcuni luoghi suggestivi ma dimenticati diventeranno spunto e teatro per vari lavori di artisti locali ma anche provenienti dall’estero (una ventina), selezionati attraverso degli appositi bandi. Il tutto si ambienterà, oltre che nei luoghi già citati, in quattro locali in via Rastello, in mediateca, in una nuova ala del Trgovski dom e nella Galleria Bombi. Il programma di eventi, non ancora completamente svelato, occuperà le giornate del festival dalle 9 a mezzanotte circa. Ogni sera ci saranno due spettacoli, sempre all’insegna della contaminazione fra linguaggi. Al punto che uno di essi, in Piazza Vittoria, cambierà attraverso l’interazione del pubblico. Per informazioni: www.invisiblescities.eu

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Come mantenere i muscoli tonici: gli esercizi per rallentare la sarcopenia

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi