"Dietro la morte di Pasolini né complotti né congiure"

Il cugino del regista ucciso: basta celebrazioni, convegni e relazioni di studiosi. E sulla proliferazione di festival letterari: troppi, sono perdite di tempo