Grandi solisti con l’Arrigoni: partenza col botto

Grande attesa per l’avvio della stagione musicale della Fondazione Bon al teatro omonimo a Colugna

UDINE. Grande attesa per l’avvio della stagione musicale della Fondazione Bon, stagione che si preannuncia da tutto esaurito visto il numeroso stuolo di abbonati che di anno in anno confermano la loro presenza alla bomboniera di Colugna.

Sostenuto dalla Regione, dal Ministero per i Beni Culturali, dal Comune di Tavagnacco e dalla Fondazione Crup, parte quindi il viaggio che porterà la Fondazione a festeggiare nel 2016 i 120 di vita e 25 anni dalla riapertura post terremoto con un concerto, giovedì 5 novembre, alle 20.45, che darà il via alla tournèe italiana del miglior ensemble di giovani della regione, ovvero l’Orchestra Arrigoni con solisti i talenti ormai indiscussi Laura Bortolotto e Christian Sebastianutto per la direzione di Domenico Mason.

La tournèe, che toccherà diverse città italiane, è organizzata dalla Cidim (associazione di caratura internazionale che valorizza i musicisti italiani).

Il programma affascinante e di grande impatto prevede di Mendelssohn Bartholdy il “Concerto per violino in re minore”, di Schubert il “Rondò in La maggiore per violino e archi”, di Waxman “Carmen Fantasy” basata sui temi dell’opera di Georges Bizet, sempre per violino e orchestra, e in conlusione di Mendelssohn Bartholdy la “Sinfonia per archi n. 8 in Re maggiore”. Informazioni e prenotazioni alla segreteria della Fondazione Luigi Bon, tel. 0432 543049 (www.fondazionebon.com).

Laura Bortolotto, nata nel 1995, si è diplomata a 14 anni e studia con Marco Rizzi alla Staatliche Hochschule für Musik di Mannheim.

Ha vinto numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali tra cui il primo premio al Concorso Nazionale Biennale di Vittorio Veneto nel 2010, il primo premio all’International Hindemith Competition di Berlino nel 2011, il terzo premio e il premio del pubblico al Concorso di Mirecourt in Francia nel 2012.

Si è esibita come solista con diverse orchestre e in formazioni cameristiche in Italia e all’ester. Nel 2013 e nel 2014 ha realizzato due registrazioni per le etichette Amadeus Rainbow e Amadeus con l’Orchestra dell’Accademia d’Archi Arrigoni e la pianista Leonora Armellini.

Laura Bortolotto suona un violino Pressenda del 1830, affidatole dalla Fondazione Pro Canale di Milano.

Christian Sebastianutto nato nel 1993 si perfeziona col didatta russo Pavel Vernikov e dal 2013 studia presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma con Sonig Tchakerian.

È risultato vincitore di primi premi assoluti in numerosi concorsi Internazionali come “Premio Crescendo” di Firenze e le prestigiose rassegne d’archi “Mario Benvenuti” di Vittorio Veneto nel 2008 e 2010. Nel 2012 è stato l’unico italiano finalista al concorso internazionale violinistico “Andrea Postacchini” di Fermo.

Nel 2014 ha vinto il 31° Concorso nazionale biennale di violino “Premio Città di Vittorio Veneto” col 3°premio (1° e 2° premio non assegnati). Suona un violino Giuseppe Gagliano del 1773.

Il magistrale lavoro del direttore Domenico Mason che ogni anni cura con cura e passione uno stuolo di giovani e giovanissimi archi ha fatto sì che l’Accademia d’Archi Arrigoni sia diventata una delle punte nazionali per la qualità sonoro ed esecutiva culminate in alcune registrazioni per la famosa rivista “Amadeus”.

Video del giorno

La Notre-Dame virtuale batte sul tempo la cattedrale reale. Ma attenzione alle vertigini

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi