In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Udine e i moti del 1848, quel sogno di libertà infranto dagli austriaci

Il 23 marzo il podestà Dragoni forma il Governo Provvisorio. Il popolo è insorto, ma il 22 aprile ritornerà l’occupante

2 minuti di lettura

UDINE. Italia, gennaio 1848: Palermo insorge e Ferdinando II di Borbone concede una Costituzione nel Regno delle Due Sicilie. Lo seguiranno Carlo Alberto in Piemonte, Leopoldo II in Toscana, Pio IX nello Stato Pontificio.

Il centro d’irradiazione europeo è la Francia, ma sono soprattutto i moti di marzo a Vienna, Milano e Venezia (dove il 22 Daniele Manin proclama la Repubblica Veneta di San Marco) a galvanizzare i friulani.

Negli stessi giorni si sollevano Berlino, capitale della Prussia, e Budapest; i moti ungheresi risaltano per il forte carattere autonomistico e anche Praga, in Boemia, rivendica l’autonomia (proprio lí, però, inizierà la riscossa imperiale).

Il 23 marzo la folla si riversa nel centro di Udine con coccarde e tricolori, ma già da giorni in Friuli si festeggia. Gli austriaci cedono e se ne vanno.

Presieduto dal podestà Antonio Caimo Dragoni, si costituisce un Governo provvisorio della Provincia (in cui emergono figure quali Prospero Antonini e Mario Luzzatto) che ottiene dal nemico la consegna di Palmanova e di Osoppo.

Nasce la Guardia civica, molti si arruolano. Ai parroci si chiede di cooperare con la predicazione.

Il nuovo governo, votata l’annessione alla Repubblica Veneta «sulla base di una perfetta eguaglianza di diritti e di doveri», assume a fine marzo il nome di Comitato provvisorio del Friuli, e mentre tutta l’area di Venezia si libera (salvo Verona, dove gli asburgici si arroccano), tra fine marzo e inizio aprile si formano a Udine anche comitati di guerra e d’ordine pubblico.

La stampa è finalmente affrancata: al Giornale Politico del Friuli, attivo dal 27 marzo al 17 aprile e sede di comunicati, cronache e dibattiti, collaborano fra gli altri illustri letterati, da Teobaldo Ciconi a Francesco Dall’Ongaro, da Arnaldo Fusinato a Pietro Zorutti.

Il tempo è scarso, i mezzi anche. L’audacia non manca, ma l’aiuto di Venezia è carente, né giungono contributi decisivi dai Savoia. Dopo la metà di aprile gli austriaci tornano e iniziano a cannoneggiare alle porte della città il 21 sera, un tragico venerdí santo.

Il 17 Udine aveva rifiutato di arrendersi, ma il 22, vista inutile ogni resistenza, si piega allo strapotere nemico e, con la mediazione dell’arcivescovo Zaccaria Bricito, tratta la resa, divulgata il giorno dopo, una dolente domenica delle Palme.

Non tutti nel popolo e nel Comitato provvisorio approvano la capitolazione, e non mancano le polemiche. Comunque sia, dopo soltanto un mese il tripudio si volge in nuova servitú.

La resa provoca reazioni sdegnate di personalità celebri: Gustavo Modena, Carlo Cattaneo, Giosuè Carducci… Tuttavia, le accuse di viltà saranno ridimensionate non solo dal Governo di Venezia e da Luigi Duodo (che aveva comandato la difesa), ma anche da altre ricostruzioni dei fatti, a partire da quella di Raffaello Sbuelz, dal titolo “La pusillanimità (?) dei magistrati udinesi nel 1848. Note, ricerche storiche e documento inedito” (1899). Di sicuro, la città non aveva potuto disporre né di mezzi economici e di difesa sufficienti, né di adeguate fortificazioni.

Gli austriaci riprendono poi altri baluardi, quali Pontebba (a fine aprile), Palmanova (a fine giugno) e Osoppo, la cui lunga e tenace opposizione di sette mesi è uno degli episodi piú gloriosi, con cui termina la resistenza in Friuli.

La Legione friulana combatterà, tuttavia, ancora a Venezia, ultima roccaforte sino all’agosto 1849.

La Prima guerra d’indipendenza si chiuse nel marzo 1849 con la sconfitta di Novara e il rientro austriaco a Milano, ma sotto le ceneri covava la brace.

Dal canto suo, la società friulana ne uscí profondamente mutata e, per la prima volta, si era avuta un’insurrezione davvero popolare, una guerra condotta con eserciti nazionali e schiere di volontari, fra lotte e resistenze epiche, assaggiando la vita libera. Le sconfitte non potevano soffocare tutti i semi piantati.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori