In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

L'esilio in Friuli, il racconto: «Siamo fuggiti dall’Istria, qui la diffidenza di chi non ci amava»

Gli esuli erano etichettati come rumorosi: «I cantava a vose alta». Secondo alcune testimonianze, ci fu la volontà politica d’insabbiare queste scomode vicende

2 minuti di lettura

Passeggio tra le lapidi del cimitero di Roveredo in Piano. L’aria è gelida e sono da solo. «Se vuoi conoscere la storia di un paese devi andare nei campi santi», mi diceva sempre mio padre da piccolo. C’è silenzio. Negli anni immediatamente successivi al Memorandum di Londra del 1954 in questo comune arrivarono decine di famiglie istriane, che con l’esodo avevano abbandonato la loro terra natìa. Cognomi come Giugovaz, Ladich, Cociancich, Ruzzier, Visintin, Vesnaver e ancora Tomizza, Radin, Muscovich, Coronica e Bosdachin, solo per citarne alcuni. Sono sepolti qui, dopo aver vissuto lo sradicamento dall’Istria ed l’esser stati costretti a ripartire da un’altra parte.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Il viaggio del Messaggero Veneto tra gli esuli istriani, il racconto del dolore e dell'abbandono]]

Chiedo a una signora alcune informazioni. Non ha molta voglia di parlare, forse è venuta a trovare qualcuno e comprensibilmente vuole restarsene in silenzio. Continuo a osservare le tombe, cerco di capire cosa potesse significare il dover lasciare tutto e ritrovarsi a vivere una terra diversa da quella istriana. «Inizialmente la diffidenza era tanta», commenta così Silvano Varin, Presidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Pordenone e esule da Cittanova. «Gli abbracci non c’erano, la gente non ci vedeva di buon occhio. Noi credevamo di aver diritto all’accoglienza ed invece la situazione era molto più complessa» guardando il calice di Malvasia che Corrado Sferco nel frattempo gli ha versato. Il padre di Corrado era giunto qui da Giurizzani, il paese natale di quel Fulvio Tomizza che aveva inaugurato questa osteria nel 1990.

«Gli istriani erano anche etichettati come rumorosi», sorride Sferco. «Tutt’attorno c’erano delle trattorie che venivano frequentate dagli esuli. Un bicchiere dopo l’altro, i cantava a vose alta con i gestori che non erano abituati a fare le ore piccole».

Silvano Varin arrivò a Trieste e la sua prima destinazione fu l’ex caserma Chiarle nel rione di San Giovanni. «Vi rimasi diciassette giorni e poi fummo trasferiti a Villa Carsia a Opicina. Ci sistemarono nel cinema, con le coperte appese a dividere i nuclei famigliari. Solamente negli anni sessanta giunsi qui nel pordenonese».

L’entrata dell’osteria da Sferco – chiamata La casa col mandorlo, come il libro di Tomizza - sembra una bottega ordinata. Ci sono stemmi della Triestina, libri sull’Istria come l’Alberi, le mappe geografiche del comune di Umago, il Pelinkovac, una bandiera di Trieste asburgica. La dilatazione del tempo è reale, le lacrime non si versano più, o non come un tempo.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Dalle Alpi all’Adriatico sulle rotte dei migranti]]

L’abuso di termini quali identità e memoria non sempre è stato terapeutico per questo popolo. La volontà politica di insabbiare le vicende degli esuli ha fatto sì che non se ne volesse parlare; dall’altro lato, l’utilizzazione dell’esodo quale strumento elettorale ha trasformato le comunità istriane in un naturale bacino di voti. Chi ne subì fu sempre la gente. Oggi sono passati settant’anni dalla firma del Trattato di Parigi. «Il rapporto con il sentirsi istriani è molto forte», mi racconta Flavia Maraston. «Mio padre ne ha sempre parlato in casa ed io sono cresciuta con questo sentiment. o. Se riusciremo a far riconoscere del tutto queste nostre vicende come appartenenti alla cultura italiana allora, quel giorno, avremo fatto pace con la Storia».

Nel 1960 gli esuli fondarono la Cooperativa Agricola Sociale a Roveredo. Quando giunsero alle Villotte si sentirono spesso ripetere che l’Italia gli aveva “regalato” le case e la terra. Roberto Bessich ai Tornielli mi fa vedere l’impegno di compravendita dei terreni. «L’Ente Tre Venezie cedette per oltre 400 mila lire il podere a mio nonno che estinse il mutuo appena negli anni Ottanta. Non ci fu alcun privilegio». Il disdicevole chiacchiericcio sui vantaggi riservati agli esuli si dimostrò ingannevole e maligno. Persa la loro terra, gli istriani avevano dovuto ricomprarsela da un’altra parte. 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori