In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

La mostra di Illegio: un’estate di capolavori nel segno degli “Amanti”

Don Geretti annuncia su Facebook un tema di forte impatto. Potremo ammirare opere del Canova e forse di Caravaggio

2 minuti di lettura

TOLMEZZO. Ogni anno si crea sempre più attesa attorno alle mostre del Comitato di San Floriano di Illegio. Quale sarà il tema di quest’anno, dopo quello dedicato con successo nel 2015 al tema dei viaggiatori e dei pellegrini?

Lo svela in anteprima su Facebook don Alessio Geretti, l’intraprendente curatore del piccolo e visitassimo centro espositivo carnico incastonato tra le alture della Pieve di Illegio e le pendici del Monte Sernio alle spalle di Tolmezzo, attraverso un video che dice e non dice.

Don Alessio Geretti presenta la 13esima mostra di Illegio

Ma intanto, con parole evocative e suadenti, come farebbe chi vuol sedurre, attira l’attenzione sulla conferenza stampa di presentazione ufficiale che avrà luogo fra dieci giorni, poco prima dell’apertura dei battenti prevista per il 21 maggio prossimo.

Sarà l’amore il tema centrale delle nuova mostra in programma fino all’8 ottobre. Amore sacro, amor profano. Un amore attorno a cui ruoteranno le passioni umane e quelle divine, declinate attraverso i grandi miti, le storie narrate nella Bibbia e quelle della letteratura.

Si intitolerà infatti “Amanti. Passioni umane e divine”. Un tema che nel titolo gioca, forse volutamente, sull’ambiguità di significato della parola “amanti”, vocabolo che nel sentire comune porta più verso un’interpretazione “proibita” - e sfido chiunque ad ammettere di non aver avuto questo primo pensiero - che non alla sua accezione etimologica pura di “coloro che amano”.

E che già per questo solletica maggiormente la curiosità del visitatore, che non si troverà davanti solamente ad opere di carattere sacro e che potrà riflettere sul valore universale di questo grande tema attraverso exempla virtuosi o dannati che documentano l’eterna storia dell’umanità. Si potrà ammirare la statua “Amore e Psiche” di Canova e forse un capolavoro di Caravaggio.

La tredicesima mostra internazionale - diciassettesima delle esposizioni realizzate dal Comitato a partire dal 2000 - ospiterà anche questa volta opere provenienti da collezioni internazionali, dipinti e sculture di autori che hanno un posto centrale nella storia dell’arte di tutti i tempi attraverso sette secoli di storia, con nomi italiani e stranieri.

«La mostra” - dichiara don Geretti - cercherà di risvegliare in tutti noi una domanda formidabile ed emozionante: che cos’è l’amore? In quell’intreccio benedetto e accidentato, carico di sospiri incantati e di malinconie struggenti che è la nostra vita, ci domandiamo da sempre cosa sia davvero l’amore, e se ne saremo raggiunti e se ne saremo degni».

Una domanda che non lascerà senza risposte e che nel suo valore didattico, culturale e religioso ne propone almeno una: «La mostra di Illegio - continua il curatore - propone una risposta, ripercorrendo le storie dei grandi amanti, liete e tragiche, e i miti antichi che percorrono una vera e propria teoria dell’amore, descrivendo non tanto il sentire dell’uomo passato, ma quello dell’uomo di sempre e aiutandoci ad approdare alla speranza cristiana dell’amore Divino, quando il Consorte che scende dal cielo si presenta, di noi invaghito, domandandoci la mano e presentandoci il suo anello sorprendente.

Questo troveremo a Illegio: e attraverso il tocco delicato delle tavole dorate del Medioevo, o dei profili divini del Neoclassico, o con i brividi impetuosi dei chiaroscuri del Barocco e del Romanticismo, potremmo davvero tutti percepire ancora l’importanza di una domanda centrale, poiché chi sa amare sa vivere».

Di sicuro, come sempre è accaduto, il visitatore troverà ancora una volta a Illegio, dopo aver attraversato le piccole case del borgo di 360 anime, aver ascoltato il rumore del ruscello e quello delle pale del mulino che macinano un’ottima farina, un’occasione di meditazione e di arricchimento culturale che vale il viaggio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori