In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Il cuore di Mittelfest batte a Sarajevo con Haris Pašović

Cividale: il nuovo direttore artistico è un eroe dei Balcani Durante l’assedio alla città con Susan Sontag aprí il teatro

di CRISTINA SAVI
2 minuti di lettura
Durante l’assedio di Sarajevo produsse un leggendario “Aspettando Godot” di Samuel Beckett diretto da Susan Sontag e fondò il Sarajevo Film Festival, oltre a rifondare e dirigere il Mess International Theatre Festival di Sarajevo. La sua opera d’arte visiva “Sarajevo red line” (La linea rossa di Sarajevo), un’installazione lunga 825 metri nel centro della città apparse sulle prime pagine dei giornali di tutto il mondo nel 2012. Sarebbero forse sufficienti queste “credenziali” per dichiarare che il pluripremiato regista teatrale di Sarajevo Haris Pašović, nuovo direttore artistico di Mittelfest per i prossimi tre anni, è una vera e propria personalità internazionale nel campo del teatro e dello spettacolo da vivo. Ma va aggiunto che è direttore artistico del East West Centre di Sarajevo, che ha diretto numerosi spettacoli e partecipato negli anni ai principali festival di tutto il mondo e che la sua produzione “Risveglio di primavera” di Frank Wedekind è considerata una pietra miliare nel teatro dell’ ex Jugoslavia.

Grande la soddisfazione espressa ieri dal presidente di Mittelfest Federico Rossi e dall’assessore regionale Gianni Torrenti, che insieme hanno commentato: «Abbiamo abbracciato con entusiasmo la scelta di riportare di nuovo a Cividale dopo 25 anni una direzione internazionale». La nomina arriva a seguito della decisione dello scorso ottobre di lanciare una selezione pubblica. Trentuno le candidature in campo, delle quali metà dal territorio regionale, per quella che Rossi definisce «non un bando, piuttosto una sorta di “open call” che aveva la finalità di permetterci di scegliere in una rosa di esperti e operatori del settore più ampia di quella a nostra conoscenza. La risposta è stata massiccia e alcune candidature davvero eccellenti. Ringraziamo tutti per il loro significativo contributo».

A orientare la scelta su Pašović, secondo quanto riferisce Rossi, «la sua idea di un Mittelfest che deve costituire il più importante centro artistico dell’Europa centrale, nel senso che un vero festival non è solo un programma di spettacoli sia pure di alta qualità internazionale, ma un organismo culturalmente vivo e complesso. È animato da una grande visione, i cui valori fondanti sono: coltivare un terreno comune di identità europea, apertura mentale e spirito internazionale, considerazione per la cultura locale, valori europei, sensibilità per i diritti umani, dialogo curiosità sorpresa gioia, energia creativa e senso dell’avventura». Rossi si dice grato nei confronti dell’assessore Torrenti e del cda «per aver voluto condividere tutti assieme, in maniera entusiastica, l’idea di portare alla guida del Mittelfest un personaggio di caratura internazionale, che ha saputo interpretare a livello profondo i traumi e le rinascite di un popolo storicamente capace di trasformare la sua intrigante identità plurima nella risorsa di una convivenza pacifica. Sia dal punto di vista reale che simbolico Sarajevo è per noi e per l’Europa monito è esempio. Papa Francesco l’ha definita la Gerusalemme dell’Europa». Progettualità rivolta all’Europa e particolarmente all’area mitteleuropea e balcanica è una condizione che è nel dna del festival. «Ci siamo convinti a fare questo passo importante – ancora Rossi e Torrenti - in considerazione del contesto multietnico di riferimento di Pašović, del suo eccellente curriculum artistico, dei progetti di prima qualità che ha diretto e dell’impegno civile che ha sempre contraddistinto il suo lavoro. Questo uomo di cultura, bosniaco di Sarajevo, costituisce per noi una risorsa preziosa, grazie alla quale potremo lanciare il Mittelfest nell’orbita europea. Inoltre, considerata la sua grande attenzione e sensibilità nei confronti dei valori e delle identità culturali e linguistiche delle comunità locali, siamo certi che saprà anche innescare nuovi percorsi di crescita del nostro territorio».

Haris Pašović sarà in regione la prossima settimana per incontrare la città, i collaboratori e la stampa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori