In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Con la mamma fino all’ultimo l’esempio d’amore di Amalia

La straziante vicenda dall’udinese Elvira Schönfeld Piccoli e di sua figlia La deportazione e la morte a Birkenau, dopo essere passate per San Sabba

1 minuto di lettura

Nei primi tre articoli dedicati agli ebrei friulani colpiti dalle leggi razziali fasciste e dalle persecuzioni, abbiamo ricordato le figure di Elio Morpurgo e della sua famiglia, dell’ingegner Roberto Gentilli ed di Ettore Sachs, nativo di Gonars.

valerio marchi

Una vicenda straziante, emblematica delle conseguenze delle leggi fasciste antiebraiche del 1938 e dei successivi sviluppi storici: la deportazione, da Cividale del Friuli, dell’ebrea udinese Elvira Schönfeld Piccoli e di sua figlia Amalia, nata a Cividale.

All’epoca, Elvira era vedova. Nel 1906 si era convertita per potersi sposare con il cattolico Nicolò Piccoli, ma ciò non bastò per eludere i criteri biologici delle normative razziste.

Il 22 aprile del 1944, un sottoufficiale e due soldati del servizio di sicurezza delle SS la prelevarono dalla sua abitazione di Cividale, illudendola che sarebbe stata ricondotta a casa dopo un interrogatorio a Udine.

Amalia, che non era costretta a seguire la madre, decise comunque di accompagnarla. Poi, alla partenza forzata dalla stazione di Udine verso Trieste, tentò di informare la famiglia gettando un biglietto dal vagone; un coraggioso ferroviere lo raccolse e lo consegnò alla pittrice Teresa Zuliani Dorigo (santola di Amalia) che, a sua volta, informò Alfredo Piccoli (fratello di Amalia).

Le sventurate (68 anni la madre; 23 la figlia, che era nubile), dopo essere passate da San Sabba e dal carcere del Coroneo, partirono da Trieste con 150 altri deportati il 27 aprile e morirono alcuni giorni dopo a Birkenau. Amalia avrebbe potuto salvarsi accettando il lavoro coatto, ma scelse di seguire la mamma fino all’ultimo: un atto che illumina uno dei frangenti più tenebrosi della nostra storia, offrendo a tutti un’alta ispirazione morale di cui c’è oggi molto bisogno.

I famigliari fecero di tutto per avere notizie delle loro congiunte, sinché nell’ottobre 1945 Sandro Krao, un sopravvissuto di Fiume, raccontò il tragico viaggio fatto assieme alle due donne e la loro fine: all’arrivo ad Auschwitz Elvira si reggeva a stento; Amalia la sosteneva e le infondeva coraggio, ma furono subito avviate alle camere a gas.

Sempre nell’ottobre 1945, riferendo questi fatti, il giornale “La Voce del Natisone” scrisse: «Agli italiani così facili a scordare gli orrori del fascismo, un monito e un avvertimento». A maggior ragione adesso, tanti anni dopo...

“Avere un altro colore della pelle o professare un’altra religione non vuol dire essere diversi. Siamo tutti eguali, con gli stessi diritti e doveri, cittadini di un mondo che il continuo progresso tecnologico rende sempre più piccolo”: è questo il messaggio dei discendenti, in primis Romano e Giampaolo Piccoli, figli di Alfredo, nel prezioso libretto “Elvira e Amalia. Storia di un gesto d’amore”, edito nel 2017 dalla Grafic Style di Moimacco con il coordinamento editoriale di Mario Brandolin. —

4-fine

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

I commenti dei lettori