«Un omicidio in treno e un sicario fantasma: così il mio racconto rovescia gli stereotipi»

Parla Mauro Frugone, vincitore del premio Scerbanenco: in “Anonimo relativo” la finzione inganna perfino i lettori 

Insalata con pollo, avocado, carciofi e asparagi

Casa di Vita