Da Sacchi e Lucchi a Mila Schön: arte e vintage a Pordenone

PORDENONE. Antiquariato e arte moderna protagonisti alla fiera di Pordenone. Tra i pezzi forti, una collezione di abiti vintage di Mila Schön, una selezione di opere di Giovanni Sacchi e le sculture monumentali di Bruno Lucchi.

Nei padiglioni 8 e 9, decima edizione di “Pordenone antiquaria”, mostra mercato di antiquariato, e “Pordenone arte”, terza rassegna di arte moderna e contemporanea. “Pordenone antiquaria” si è accreditata come una delle più quotate a Nordest: quello che viene definito “ottimo afflusso” di pubblico della prima giornata e gli oltre 7 mila visitatori della scorsa edizione ne attestano il successo. Per nove giorni i tre mila metri quadrati di due padiglioni si trasformano in show-room per circa 60 antiquari e mercanti d’arte selezionati. Offrono il meglio delle loro collezioni di mobili, anche per esterni, argenterie, marmi, statue lignee, dipinti, arte sacra, porcellane, tappeti orientali, arazzi, maioliche, diamanti, gioielli.


Affiancano gli stand due mostre. La prima è dedicata a Giovanni Sacchi, maestro milanese scomparso nel 2005, noto per aver realizzato il modello di oggetti che hanno fatto la storia del design italiano e vincitore del premio “Compasso d’oro” alla carriera. In fiera 16 quadri del periodo astrattismo geometrico e optical art realizzati tra il 1960 e il 1970. Per gli appassionati di moda vintage, la collezione di abiti di Mila Schön curata dalla Vintage Delirium di Milano.

“Pordenone arte” presenta una ventina tra gallerie e studi di singoli artisti. In mostra opere di arte contemporanea che spaziano dalla pittura, alla grafica, dall’incisione alle tecniche fotografiche. È una bella vetrina per giovani artisti emergenti che possono incontrare potenziali galleristi e acquirenti. Tra gli espositori, Bruno Lucchi, scultore contemporaneo di Levico Terme e noto a livello internazionale per le sue opere in terracotta, bronzo, porcellana e in corten abbinato a refrattario o mosaico. È protagonista della mostra “Guardiani del silenzio” in fiera e in città. Dal 18 gennaio, infatti, una trentina di grandi opere dell’artista saranno posizionate in angoli suggestivi di Pordenone. Si tratta di un’iniziativa di Fiera e Comune che applica al mondo dell’arte il format del “fuori salone” già realizzato con i giardini urbani di Ortogiardino.

Fiera aperta sabato e domenica dalle 10 alle 19, nei feriali dalle 15 alle 19. —

E.L.



Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi