Contenuto riservato agli abbonati

A Donatella Di Cesare il premio Udine Filosofia: «I veri pensatori rimettano mano alla politica»

Sabato 26 ottobre a palazzo Belgrado la cerimonia di consegna. «Manca una visione complessiva, serve maggiore capacità critica»

UDINE. È andato a Donatella Di Cesare, docente di teoretica alla Sapienza di Roma, il premio Udine Filosofia che le sarà consegnato sabato 26 nel Salone di palazzo Belgrado a chiusura del festival promosso da Mimesis.

Il premio le viene assegnato per il suo ultimo libro, “Sulla vocazione politica della filosofia”, (Bollati Boringhieri editore), nella quale Di Cesare, uno dei pensatori più influenti del nostro tempo, nota per le sue posizioni estremamente critiche nei confronti della politica di casa nostra e non solo, sostiene la necessità che la filosofia torni alla città, alla polis, «per risvegliarla da quel sonnambulismo che la narcosi di luce del capitale ha provocato».

A Di Cesare abbiamo chiesto che significa questo...

Video del giorno

Giornata contro l'abbandono degli animali, il video della polizia racconta il dramma dei cani

Risotto integrale al limone con crudo di gamberi e pomodorini al timo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi