Vicino/Lontano aderisce al progetto “Never again”

Passa spesso in secondo piano, eppure è un tema cruciale: dopo aver subito la violenza maschile, le donne divengono vittima una seconda volta nel loro percorso di denuncia: nei tribunali, nei percorsi legali e sanitari, nella rappresentazione dei media, nel giudizio delle scelte di vita.

Il festival Vicino/lontano 2020 aderisce a “Never again”, progetto biennale finanziato dalla Commissione europea, al via il 25 novembre in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, per iniziativa dell’Università Vanvitelli di Napoli (capofila) e di Alley-Oop Il Sole 24 Ore, Prodos Consulting, D. Re-Donne in rete contro la violenza, l’associazione teatrale Masc e Maschile Plurale, con la presidenza del Consiglio dei ministri, la Scuola superiore della magistratura e il Consiglio nazionale forense.


«Abbiamo aderito con convinzione al progetto – spiega la curatrice di Vicino/lontano Paola Colombo – che verrà presentato per la prima volta nell’ambito del festival 2020 Vicino/lontano 2020, sul tema “passione”, alla violenza sulle donne dedicherà due percorsi.

Appuntamento sabato 26 settembre alle 21.30 nella Chiesa di Sabn Francesco: a mettere in scena il tema sarà il Teatrino del Rifo con lo spettacolo “Se non avessi più te”.

Scritto e interpretato da Manuel Buttus – sul palco con l’attrice e cantante Nicoletta Oscuro e con Matteo Sgobino alla chitarra – lo spettacolo indaga il significato della violenza degli uomini come fenomeno strutturale e trasversale della società, che affonda le sue radici nella disparità di potere fra i sessi.

L’evento sarà introdotto dalla presentazione del progetto Never Again: lo illustreranno Manuela Marchioni, fondatrice di Prodos Consulting, e Teresa Bene, ordinario di Diritto processuale penale all’Università della Campania Luigi Vanvitelli.

Domenica 27 settembre, nell’Oratorio del Cristo, alle 15, il festival Vicino/lontano propone poi la presentazione, in anteprima, del saggio “La violenza di genere al cospetto della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo”, che è firmato dall’avvocato del Foro di Udine Maddalena Bosio: sarà presente l’autrice che converserà con il magistrato Francesco Crisafulli. —

Video del giorno

No Vax, il dentista col braccio in silicone: "Una provocazione, mi sono vaccinato il giorno dopo"

Mousse alla nocciola e cioccolato, clementina e cardamomo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi