Topolino e le Giovani marmotte raccontano il fotografo friulano cacciatore di aurore

Sulle pubblicazioni per ragazzi due servizi dedicati al friulano Gabriele Menis. «Spero di essere riuscito a comunicare la dedizione allo straordinario fenomeno»

UDINE. Il fotografo friulano Gabriele Menis è conosciuto per le sue singolari attività nell’Artico, dove è andato più volte alla scoperta del fenomeno delle aurore boreali, accompagnando gruppi di viaggiatori e realizzando scatti di grandissima qualità e altrettanta bellezza.

Un’attività che, oltre a premi e vari apprezzamenti, gli è valsa ora anche un particolare riconoscimento. Due servizi speciali su altrettante riviste cult per i più piccoli, ma non solo: Topolino e Il Manuale delle Giovani Marmotte.


Otto pagine dense di foto, consigli e segreti per immortalare questo incredibile fenomeno naturale, con l’intervista del giornalista Federico Taddia e degli scatti di Menis. Due servizi in cui il fotografo friulano dà consigli e svela segreti su come diventare bravi fotoreporter, anche in condizioni non sempre semplici, come può accadere nell’Artico, inseguendo un fenomeno naturale.

«Spero di essere riuscito a comunicare la dedizione accorata, forte, da vero “innamorato” che dono a questo fenomeno incredibile e coinvolgente – spiega Menis –, cercando “sua maestà” da anni e anni, studiandone ogni sua espressione, vivendola nella terra magica che la ospita. E un onore ancora più immenso è accompagnare i viaggiatori in questa caccia fotografica travolgente e ammaliante». —
 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi