Francesca Cima: «Il cinema è in ripresa e batterà anche il Covid, ma servono talenti»

La produttrice friulana sta realizzando una serie tv diretta da Cotroneo «Lavorare in Friuli è un piacere, è un territorio amico del cinema» 

PORDENONE. Donna dell’anno tra cento: la sacilese Francesca Cima è il numero dieci nella super-hit 2020 stilata dal settimanale “F” e con altre 99 che fanno cose straordinarie. Cima produce film con Indigo, che ha co-fondato nel 1994 e batte Chiara Ferragni ferma al numero 24 della classifica “F” con capofila Kamala Harrris. «Un tributo che fa piacere – dice Cima presidente dei produttori Anica –. Perchè dà conto del ruolo di chi sta spesso dietro alla macchina della produzione». Cima è una sacilese traslocata per amore e lavoro a Roma: ha coprodotto “La grande bellezza” girato da Paolo Sorrentino e ha incassato l’Oscar al migliore film straniero a Hollywood sette anni fa. Di ritorno dalla mecca del cinema ha continuato a lavorare per il grande e piccolo schermo, con il fiuto indiscusso per il cinema di qualità: Cima scopre talenti nella scuderia italiana, tra le leve più promettenti.

Segni particolari?

«La passione – confessa Cima - per il cinema. Spero che i miei figli capiscano che ho fatto tutto con passione, che è il vero motore dell’esistenza».

Progetti futuri?
«Sul lavoro non ci si ferma mai, sui set delle riprese aperti in piena sicurezza anti contagio Covid-19. Il dettaglio sulle ultime produzioni: sono terminate le riprese della seconda serie Rai “La compagnia del Cigno” creata e diretta da Ivan Cotroneo e un’altra produzione è in cantiere con il titolo provvisorio “Le promesse”. I progetti 2021 sono tanti e li realizzeremo».

Il cinema batte il Covid-19?
“L’industria del cinema e audiovisivo è in forte ripresa ed espansione: cerca nuovi talenti e crea posti di lavoro e nuove professioni. L’obiettivo dei produttori è quello di avere un’industria sicura sotto il profilo sanitario, tanto che durante il primo lockdown abbiamo definito il Protocollo per la ripartenza, poi efficiente e competitiva. Gli stimoli possono venire da tutti i componenti, dalle idee, dallo sviluppo delle tecnologie e delle risorse umane: attori, registi, sceneggiatori, tecnici. Bisogna credere nei nuovi talenti e dare occasioni ai giovani emergenti e bisogna formare professionisti in loco pronti a lavorare. In Italia ci sono tanti talenti da valorizzare».

Progetti in Friuli dopo “La ragazza del lago”?
«La cosa più importante per noi produttori, al di là del sostegno economico, è poter lavorare in un territorio che sia amico del cinema, come il Friuli. Poi si deve pensare anche alla distribuzione e puntare le sale di città, anche per rivitalizzare i centri storici. Dopo la pandemia Covid-19 credo che la cultura sia il collante per investire sul futuro».

Lavoro a Roma e il posto del cuore a Nordest?
«Il posto del cuore si chiama Sant’Anna di Tambre nel bosco Cansiglio. Mia madre Zaira che abita a Sacile e mio padre Luigi, che non c’è più dal 2012 (e gli devo la mia forza e la mia determinazione) mi hanno sempre incoraggiato, anche nelle partenze. L’importante è ogni tanto tornare e non dimenticare da dove si viene: papà mi ha soprattutto insegnato, con il suo esempio, il valore di essere contenti del proprio lavoro e di poterlo fare in libertà».

Ci sarà un altro film con Sorrentino?
«Dopo una lunga collaborazione, le strade si sono divise… ma potrebbero esserci momenti di riunione».




 

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi