Impossibile fare anche i concerti dal vivo Gli Amici della musica vanno in streaming

I teatri sono chiusi? E streaming sia. Ma a una condizione: mantenere parametri che soddisfino l’orecchio più esigente. Un livello “premium”, insomma, che garantisca un alto livello di limpidezza e precisione sonora, grazie alla strumentazione audio di ultima generazione fornita da un team tecnico specializzato.

Gli Amici della musica di Udine puntano sulla qualità. Per recuperare sia le date del cartellone 2020-2021 sia gli eventi collaterali, i concerti inizieranno oggi, domenica 21, per continuare nell’arco della primavera e collegarsi direttamente alle iniziative estive.


Saranno tutti trasmessi dalla Cittadella della musica, sede operativa degli Amici della musica, con gli artisti già annunciati per la Stagione 2020-2021. Le date, naturalmente modificate rispetto a quelle previste, verranno comunicate in itinere, a seconda di quali saranno di volta in volta le indicazioni governative e, di conseguenza, i viaggi consentiti agli artisti.

Sono al momento confermati il duo De Piante Vicin – Oetiker (pianoforte 4 mani), che si esibirà il 10 marzo, così come i due attesi recital pianistici che brillavano in cartellone: Roberto Cappello il 18 marzo, in una serata monografica dedicata a Beethoven, e Philippe Entremont il primo aprile, in pagine di Chopin, Beethoven e Bach. A ogni spettatore virtuale sarà inviato un codice personale per seguire i concerti in diretta su cellulare, tablet o computer, preferibilmente in cuffia per godere al meglio della risoluzione sonora.

Chi non avesse ancora sottoscritto l’abbonamento agli 11 concerti, o volesse farsi socio, potrà farlo fino al 9 marzo al Teatro Palamostre di Udine (telefono 0432 506925) in orario 17.30-19, escluso il lunedì.

«Un momento di transizione – affermano gli organizzatori – che segna però una grande voglia di innovazione, nell’entusiasmo che ha sempre caratterizzato gli Amici della Musica».

Per l’appuntamento d’apertura, questa domenica, salirà sul palco il pianista Sebastiano Mesaglio, chenell’ambito delle “Conversazioni in musica” presenterà un programma dal titolo “Un Beethoven diverso”.

La 99esima stagione “Grande Musica, Grandi Interpreti” è realizzata con il supporto del Ministero per i beni e le attività culturali e di Regione FVG, Comune di Udine, Fondazione Friuli, Università e Camera di Commercio di Pordenone e Udine, in sinergia con Ert, Società Filologica Friulana, Arlef, Fondazione Renati, Unesco, Cirf . —

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi