Le ricerche di un archeologo nella Seconda guerra mondiale

Il 2021 è un anno proficuo per Mauro Tonino, ex sindacalista e scrittore friulano. In questi giorni è presente in libreria il suo secondo volume del 2021. Dopo “Italiani dimenticati”, è arrivato ora “Il segreto di Bertrand de Saint Geniés” (Edizioni MEA), che si va ad aggiungere ai sei libri già pubblicati. Originale la copertina con in primo piano lo “Schwarze Sonne”, il sole nero, ben descritto nell’ambientazione all’interno del libro.

Da buon conoscitore delle vicende belliche del Confine Orientale, questa volta Tonino si cimenta in un romanzo che spesso assume i contorni del thriller.


Il racconto è collocato verso la fine del secondo conflitto mondiale, l’azione si muove in un’Europa in fiamme, tra Berlino, Wewelsburg, Roma e il Friuli. Precise le ambientazioni storiche e i riferimenti a personaggi della storia locale, quali Marco d’Aviano e il Beato Bertrando, come molto delicate sono le descrizioni del nostro territorio, che appaiono quasi delle pennellate.

Molto suggestivi sono pure i colloqui tra Himmler ed Heinrich Von Schuster, l’archeologo incaricato di ritrovare una preziosa reliquia in grado di poter cambiare il corso della storia.

Le ricerche portano proprio in Friuli, ma a quel punto nell’archeologo sorgono dubbi verso l’ideologia nazista, fautrice di barbarie e sventure per l’intera umanità, tanto da farlo procedere nel rischioso salvataggio di un amico e collega ebreo.

Le ricerche continuano, tra precise analisi storiche e molti colpi di scena, dove l’archeologo metterà più volte a repentaglio la propria vita, ma ci sarà anche spazio per una storia d’amore con una nobildonna friulana.

Il confronto interiore tra l’essere uomo di scienza, i propri valori morali, e assumere la responsabilità di mettere nelle mani del Terzo Reich un’arma terribile, accompagnerà l’archeologo fino alla fine della ricerca. —





Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi