La sacerdotessa del rock Patty Smith torna in Friuli

Il 13 luglio il concerto a Lignano per la rassegna Nottinarena, accompagnata sul palco dal figlio Jackson Smith



È troppo facile cominciare a parlare di un’icona della musica partendo dai suoi – memorabili – concerti. Provate a farlo citando il suo gatto. Ecco, il gatto di Patti Smith vomita. E lo sappiamo perché lo ha raccontato lei in uno storico incontro con le studentesse e gli studenti dell’istituto superiore “Percoto” di Udine, nel 2014. Un incontro in cui la cantante prima era seduta tra il pubblico ad ascoltare i ragazzi suonare e poi dal palco si è messa a parlare di sé come una zia affettuosa, piena di consigli ed anedotti.


Bei tempi, quelli, in cui i musicisti internazionali andavano persino nelle scuole di provincia prima dei concerti (al tempo persino Glen Matlock, storico bassista dei Sex Pistols, fu protagonista di un incontro di questo tipo). Bei tempi, quelli in cui poi i teatri erano pieni, i palazzetti strabordavano e poco importavano gli sputacchi e le ascellate dei vicini, l’importante era il rock. Rock del quale la Smith viene universalmente riconosciuta come “sacerdotessa” ancora oggi, oggi che – nonostante i suoi 74 anni – a sentirla nominare si è ancora pervasi dai brividi di emozione. Perché lei è lei, lei è quella che un giorno ci ha detto cantando che “People have the power” e noi da allora le abbiamo creduto. Ebbene, lei ritorna in Friuli Venezia Giulia e lo farà quest’estate, il 13 luglio a Lignano Sabbiadoro, per la rassegna Nottinarena, organizzata da Fvg Music Live e VignaPr in collaborazione con il Comune di Lignano e PromoTurismoFvg.

All’Arena Alpe Adria arriva dunque la sacerdotessa del rock, cantautrice, poetessa e soprattutto icona vivente assoluta che in oltre quarant’anni di carriera ha saputo raccontare il mondo attraverso la musica, la fotografia, la poesia, i romanzi, la pittura e la scultura, lasciando un segno indelebile in ogni sua espressione. Amata, discussa, potente e idealista, Patti Smith è anche un punto di riferimento culturale. Qui in Friuli lo sappiamo bene, e non solo per i suoi indimenticabili concerti. Quello al Teatro Giovanni da Udine, nel dicembre del 2014, con un live acustico di quelli che fanno dire “io c’ero”, potente, intimo, delicato e forte allo stesso tempo. Quello a Villa Manin nell’agosto del 2015, sotto una pioggia che è riuscita nell’impresa di amplificare la magia della sua espressione. La sua forza, per noi gelosi amanti della nostra terra, si lega a doppia mandata al suo rapporto con Pier Paolo Pasolini. Lei lo cita sempre, quando arriva in Friuli. Ma non solo. Lei lo omaggia, raccontandoci di lui e facendogli visita sulla sua tomba, nel cimitero di Casarsa della Delizia, in segno di rispetto e devozione. Per tutto questo, un concerto di Patti Smith in Friuli Venezia Giulia non sarà mai uno spettacolo privo di emozione e spessore.

A Lignano Sabbiadoro la “sacerdotessa” salirà sul palco accompagnata dal figlio Jackson Smith alla chitarra, dall’amico di lunga data Tony Shanahan al basso e dal batterista Seb Rochford.

I biglietti sono già acquistabili online e nei punti vendita autorizzati. —

Video del giorno

Gli Usa si preparano a una guerra: gigante esplosione in mare per testare la resistenza delle portaerei

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi