Contenuto riservato agli abbonati

“Il dono di un talento”: torna il mondo visionario di Luciano Ceschia

Trent’anni dalla scomparsa di Luciano Ceschia, che Tito Maniacco aveva omaggiato nel romanzo policromatico e polifonico “La veglia di Ceschia” (2001), a rievocare la vitalità dell’artista e dell’ambiente culturale tarcentino, centro capace di tali slanci da essere stato – è il caso di ricordarlo – “Repubblica autonoma delle arti del Novecento friulano” attorno ad una schiera di talenti.

“Il dono di un talento.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid Watch. Ensovibep: cosa sappiamo del nuovo farmaco

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi