Bach, Haendel e Mozart riletti da Alberto Busettini

Due preziosi strumenti musicali della collezione “La Mozartina” di Paularo, restaurati grazie al contributo da “Bando Restauro” della Fondazione Friuli, saranno inaugurati oggi con un concerto dedicato alle 20.45 nella sede de “La Mozartina 1” in via Jacopo Linussio a Paularo. Un appuntamento speciale della programmazione de “I Concerti di san Martino in Carnia”, per cui è consigliata la prenotazione scrivendo un messaggio o un whatsapp al numero 339 32 05 479 entro le 18 di oggi.

Protagonisti due strumenti da tasto curati e revisionati all’origine dal maestro e compositore Giovanni Canciani e restaurati recentemente dai Fratelli Leita grazie al bando dedicato della Fondazione Friuli, che guarda alla salvaguardia del patrimonio storico-artistico della regione.


Strumenti, ora patrimonio musicale della Carnia, che verranno fatti ascoltare nella loro compiutezza grazie all’atteso concerto con protagonista il noto musicista Alberto Busettini, raffinatissimo clavicembalista apprezzato in Italia e all’estero, il quale si prodigherà in brani scelti di Bach, Haendel e Mozart.

I due preziosi strumenti cui è stata restituita la voce, sono il clavicembalo a due tastiere William De Blaise dei primi del Novecento, di cui La Mozartina possiede anche il “gemello”, strumenti che erano all’auditorium della Rai di Torino e sui quali si sono prodigati clavicembalisti del calibro di Gustav Leonard, Karl Richter, Ralph Kirkpatrick, ed il pianoforte verticale Anton Petrof del 1880, casa produttrice boema cui Canciani era particolarmente affezionato.

Il recital vedrà condotto da Alberto Busettini, cembalista di alto stile e gusto musicale, maturato attraverso anni di esperienza, studio, e centinai di concerti in tutto il mondo. Diploma di merito presso l’Accademia Chigiana di Siena con Christophe Rousset, è ospite in diversi festival di Musica Antica. —

Video del giorno

L'operazione della Dia, le immagini dal drone

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi