Contenuto riservato agli abbonati

Un viaggio nel mondo nascosto di Pantani: così il Pirata è diventato “Il Migliore” e ha ispirato i giovani come Milan

Paolo Santolini, grazie ai familiari e agli amici di sempre della sua Cesenatico, racconta il ciclista morto nel 2004 ed entrato nella leggenda

Sì, è come se Pantani fosse ancora vivo, fosse sopravvissuto a tutto, fosse riuscito a superare la bufera che gli si abbatté addosso quel 5 maggio del 1999 a Madonna di Campiglio, fosse riuscito a superare il doping e la droga e fosse lì a pescare con i figli dei suoi vecchia amici, a cantare il karaoke, che lui adorava, alle feste dei suoi fan club, a fare le 4 del mattino a parlare del nulla sul Porto Canale di Cesenatico, meglio se d’inverno o alla fine d’una serata estiva passata in discoteca.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

La Notre-Dame virtuale batte sul tempo la cattedrale reale. Ma attenzione alle vertigini

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi