Contenuto riservato agli abbonati

Green pass, se la libertà è minata da negazionismo e complottismo

Con il sistema di cura sotto pressione, non può essere più assicurata a tutti la possibilità di curarsi

Nelle proteste esplose in molte città europee contro il Green Pass ricorre quasi sempre lo stesso argomento: bisogna difendere la libertà contro provvedimenti autoritari e liberticidi. Ma la minaccia alla libertà è davvero un buon argomento? Le democrazie liberali dovrebbero rifiutare il Green Pass poiché viene minata la libertà individuale? Tali provvedimenti sono illiberali? E infine, in quale misura queste istanze – oggi motivo di scontri – risultano utili in funzione del contenimento della crisi pandemica?

In questi anni si è dovuta fronteggiare una pandemia che ha provocato numerose vittime dirette e indirette, oltre a ingenti danni economici dovuti ai lockdown.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Tonga, case a pezzi e auto accartocciate tra le palme: il video del ministro del Commercio

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi