Mirabel ci porta per mano nel mondo di “Encanto”



Il nuovo cartoon Disney “Encanto” ha come registi due dei tre che ci avevano dato l’eccellente “Zootropolis”, e ritroviamo anche qui il messaggio di quel film (come di tutta la produzione Disney e Pixar): “Ce la puoi fare”.


Siamo sempre più lontani dalle antiche eroine Disney: la protagonista Mirabel è una ragazzina bassa, riccioluta, con occhiali enormi che danno un’aria, più che da Harry Potter, da Woody Allen in erba. Ma niente Woody Allen nello spirito, che è quello indomabile delle sue consorelle.

“Encanto”, che è quasi un musical, è ambientato nel mondo latinoamericano, come lo splendido “Coco”. Nella magica casa della famiglia Madrigal (una casa vivente che amplia il concetto disneyano degli oggetti umanizzati), ogni membro della famiglia possiede un Talento: chi è superforte, chi può far spuntare fiori, chi domina il tempo atmosferico, chi parla con gli animali. Tutti sono al servizio della comunità sotto l'occhio attento dell'inflessibile Abuela (Nonna). Misteriosamente, la sola Mirabel non ha alcun talento, e ciò la fa sentire inferiore.

Non è una novità per la Disney ma qui è più marcata che mai: in “Encanto” l’opposizione da cui nasce il racconto è interna, si situa tutta entro i rapporti familiari. Il film si costruisce narrativamente e visivamente sulla materializzazione di una metafora: le crepe che si formano nella casa equivalgono alle crepe nella vita familiare. Parla di tensioni più o meno sottaciute, in primis la stanchezza di dover corrispondere sempre alle aspettative: l’erculea Luisa la esprime in una delle scene migliori, una canzone con contorno di asini ballerini.

A tratti macchinoso nella sceneggiatura ma vivo, colorato, divertente, “Encanto” non raggiunge il livello di “Zootropolis” ma è comunque una buona aggiunta alla filmografia disneyana. —







2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Tennis, l'esilio dorato di Djokovic nella sua Belgrado

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi