Sanremo, anche Elisa sul palco dell’Ariston

Confermata la presenza della cantante friulana In gara anche Gianni Morandi, Noemi e Le Vibrazioni 



Ci sono quelli che vendevano i 45 giri a milioni, che sono stati colonne sonore di un intero Paese, che hanno scritto le pagine di storia della musica italiana, anche (non solo) a Sanremo. E poi ci sono nomi sconosciuti al grande pubblico, post millennial che sono già stati benedetti dal dio dello streaming, che il successo lo contano in visualizzazioni, download e follower. Due mondi, lo stesso Paese, tutti in gara al Festival di Sanremo edizione numero 72, la prima del dopo Måneskin il più grande fenomeno mondiale che sia mai decollato grazie a una vittoria in Riviera dopo Domenico Modugno. Andrà in onda dal primo al 5 febbraio, ancora una volta a guida Amadeus, che ieri ha tolto ogni mistero annunciando al Tg1 l’elenco dei concorrenti.


Per farlo in Rai hanno addirittura cambiato il regolamento, visto che ormai voci e indiscrezioni era impossibile arginarle. Gianni Morandi, Massimo Ranieri, Donatella Rettore (in coppia con la giovane Ditonellapiaga alias Margherita Carducci) e Iva Zanicchi che a 81 anni torna combattiva come non mai. Sono loro i grandi ritorni, così come quelli di artisti un po’ più giovani che però un pezzo di storia l’hanno scritta, e proprio sul palco dell’Ariston: Elisa, che vinse l’edizione condotta da Raffaella Carrà nel 2001, Emma Marrone, vincitrice 9 anni fa, oggi giudice di un talent - X Factor - lei che da un talent - Amici - era uscita. E poi ci sono ragazzi giovanissimi come Rkomi o Blanco, che contano milioni di clic a ogni sospiro e sono popolarissimi dai 18 anni in giù. Blanco si presenta in coppia con Mahmood che si trova un po’ a metà strada: da un lato è idolo dei giovanissimi, dall’altro è certamente un grande ritorno dopo il trionfo a sorpresa nel 2019 con Soldi.

Ci sono poi gli sconosciutissimi Highsnob e HU, alias Federica Ferracuti, che ci aveva già provato al Sanremo Giovani dello scorso anno. Di ritorni importanti si parla anche con Giusy Ferreri e Fabrizio Moro. E all’elenco non mancano le star dei talent, anzi, di un talent show: Amici. È da lì che Sangiovanni e Aka 7even sono diventate stelle pop. Sangio ha conquistato le classifiche con il tormentone Malibu e Aka 7even ha vinto il premio come miglior ace italiano agli Mtv European Music Award di Budapest. Inaspettata la voglia di tornare al festival da parte di Noemi, Le Vibrazioni, La Rappresentante Di Lista e Achille Lauro presenti l’anno scorso con buoni risultati i primi due e addirittura come ospite speciale il terzo: che è l’unico artista con quattro festival consecutivi ed è, a suo dire «un uomo ormai trasversale». La presenza di Irama è anche una sorta di «risarcimento artistico» dopo che l’anno scorso un truccatore e un parrucchiere del suo staff furono trovati positivi al Covid e lui dovette tornare a casa. Al festival arriva anche Michele Bravi che cercherà di far ripartire una carriera interrotta.

La spagnola Ana Mena è conosciuta nel nostro Paese soprattutto per i duetti con Rocco Hunt e Federico Rossi del duo Benji & Fede ma, grazie al nuovo regolamento che accetta anche cantanti stranieri la vedremo correr per la vittoria. Dargen D’Amico è qui in veste di artista dopo aver prodotto buona parte dei più grandi successi rap degli anni ’10: una scommessa, così come quella del cantautore Giovanni Truppi, bravo, talentoso e sarà il coté «intellettuale» della manifestazione. —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Schiantare un aereo per i clic su YouTube, sull'ex olimpionico c'è più di un sospetto

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi