“Take care of yourself”, artisti a confronto tra video, arte e pittura

La 16 edizione della rassegna Take care of yourself, curata da Eva Comuzzi e Orietta Masin, promossa e organizzata dal Circolo Arci Cervignano, giunge al cuore del progetto e venerdì 14 gennaio alle 18 inaugura la mostra all’auditorium della Casa della musica di Cervignano. «Si tratta di un vero spazio di ricerca in cui nuove generazioni di artisti si intrecciano ad artisti del territorio e internazionali in un percorso che si snoda tra video, pittura, scultura e installazioni – hanno osservato le curatrici Eva Comuzzi e Orietta Masin – poiché arte e azione attiva è un binomio che questa rassegna negli anni ha spesso perseguito e sostenuto attraverso performance, workshop e mostre».

Sarà presentato negli spazi espositivi della Casa della Musica il progetto My body is marshland, il lavoro nato dalla ricerca di Andrea D’Arsiè durante la residenza sull’isola di Anfora, nella laguna di Grado, assieme agli elaborati di altri due partecipanti alla open call, Elisabetta Calligaro (con Utopian Island) e Nicolò Bruno (con Balabiott) e ai dipinti di Adelisa Selimbašić. Gli altri artisti invitati sono: LD, Anastasiya Parvanova, Michele Seffino e Martina Zanin le cui opere di pittura, fotografia e installazioni saranno esposte presso la Galleria Stone, un locale sfitto di via Roma 12 a Cervignano trasformato da diversi anni in una galleria d’arte e spazio culturale “che offre occasioni di visibilità, crescita e promozione del panorama artistico e culturale locale e del territorio”, commentano le curatrici.


La mostra avrà come appendice introduttiva la presentazione al pubblico di “Liminalità betwix and between”, il catalogo dell’edizione precedente.

«Alessia Zambon, assessore alla Cultura Comune di Cervignano del Friuli, ha dichiarato: «Cervignano è orgogliosa di essere il grembo da cui nacque, sedici anni fa, la prima (e unica) Rassegna d’Arte contemporanea della Bassa friulana, che fin dalla prima edizione, vede, nella mostra di gruppo il suo momento più entusiasmante e creativo. Ci apprestiamo quindi ad inaugurare questa nuova esposizione, presso la Casa della Musica, uno spazio di autentica esplorazione artistica, e presso la Galleria Stone gestita con impegno da tre realtà associative del nostro Comune, animati dalla convinzione che tutti i linguaggi culturali siano strumenti di rinascimento individuale e collettivo, di affinamento delle libertà e delle consapevolezze, di predisposizione alla contaminazione con l’altro e il mondo: un grande impegno politico e democratico».

Durante il finissage del 4 febbraio alla Casa della Musica, alle 18 ci sarà l’incontro con Vincenza Ferrara, responsabile del Laboratorio Arte e Medical Humanities dell’Università Sapienza di Roma- La rassegna proseguirà con altri due appuntamenti tra febbraio e marzo. —

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Tennis, l'esilio dorato di Djokovic nella sua Belgrado

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi