Le gesta di Casanova diventano opera pop

Gian Marco Schiaretti racconta il celebre personaggio che sarà in scena dal primo febbraio al Giovanni da Udine 

L’accumulo dei secoli non ha eroso la potenza seduttiva di un’icona pop del Settecento, l’avventuriero Giacomo: poeta, alchimista, agente segreto della Serenissima, acrobata dei sentimenti, gran viaggiatore e uomo d’arte, forse inimitabile.

Non c’è tempo in cui Casanova non sia stato celebrato e non solo per il suo invidiabile savoir faire con le gentildonne, aspetto romantico di una vita a perdifiato. L’epopea del giramondo veneziano è ora consacrata da un’opera, di quelle memorabili all’italiana, seguendo i fasti di “Notre Dame de Paris”, che inaugurò la grande stagione della rinascita.


“Casanova Opera Pop” è un atto d’amore di Red Canzian per i 1600 anni di Venezia, con ventuno performer in scena e trentacinque brani inediti, due ore di esperienza immersiva nelle gesta del libertino, dal 1° al 3 febbraio al Giovanni da Udine. (Mercoledì 2, alle 17.30, la compagnia presentata da Fabiana Dallavalle incontrerà il pubblico a Casa Teatro).

Gian Marco Schiaretti, star internazionale già nei cast di “Notre Dame”, versione francese, e di “Romeo e Giulietta”, rivela il suo Casanova col quale spartisce abitudini comuni. «I miei vissuti viennesi e parigini mi avvicinano alla sua esperienza della conoscenza, alla mescolanza culturale ed etnica, respirata con intensità anche nelle mie scorribande asiatiche. Come non mai, adesso, la voracità del fare è limitata dalle restrizioni, che ho sofferto moltissimo fra l’altro, e il potersi concedere fughe è quanto mai liberatorio».

Casanova è un personaggio pop e il titolo gli calza. Lei che lo vive, come lo percepisce?

«Pop può essere interpretato come popolare, la sua grandezza sta nell’aver superato la morte con l’eternità e noi lo raccontiamo tenendo fede al libro di Matteo Strukul, “Casanova – La sonata dei cuori infranti "dal quale questa storia è sfilata con passione. Un libertino impenitente, certo, che nonostante la consapevolezza di uno dei tanti giochi di fascinazione, s’innamorerà di una damigella e per lei sfiderà a duello il suo focoso fidanzato Alvise. Tutto questo per sottolineare, semmai ci fosse bisogno, di quanto l’amore sia la propulsione vitale di qualunque esistenza, anche della più estrema, com’era la sua».

Facendo un salto all’indietro la ritroviamo calciatore. Cos’è poi che l’ha fatta desistere dal tirare calci a un pallone?

«In realtà sport e canto hanno lavorato all’unisono senza una supremazia, almeno fino a quando ha prevalso la calamita del palcoscenico. Sentivo il bisogno di farmi notare più sotto i riflettori che dentro un rettangolo verde. La decisione è stata forzata da alcuni infortuni di quand’ero quindicenne e avevo comunque in tasca un piano B che equivaleva a uno A».

E sempre quel destino, sostenuto dal talento, ovviamente, l’ha spinta sulla sponda delle grandi opere, stagione d’oro degli spettacoli imponenti e con una circuitazione europea.

«Infatti non c’è un’impostazione anglosassone importata e riadattata. Questo è un progetto che si forma con un’identità ben precisa, con un percorso musicale che sfrutta l’esperienza di Red Canzian, maturato dopo un percorso artistico importante».

Abbiamo letto che Canzian è stato ricoverato in ospedale. Ci auguriamo stia meglio.

«Si sta riprendendo, l’ho sentito poco fa. È più il dispiacere di non poter essere qui che il recupero in sè. Nelle prossime settimane sono sicuro che ritornerà in gruppo a guidarci».

Entriamo in scena: non troveremo i soliti fondali teatrali, bensì qualcosa di ben più tecnologico.

«È una scenografia dinamica e proiettata per sfruttare le bellezze di Venezia e i continui cambi di ambientazione che Casanova impone con i suoi frequenti balzi da un luogo ad un altro. L’alta definizione, poi, sfiora la realtà».

Come lo si potrebbe immaginare oggi un Casanova? Fra un aereo e l’altro e sempre collegato su Instagram, oppure quella specifica tipologia d’uomo è irripetibile?

«L’essere Casanova è senza età. Certo, ogni epoca lo costringerebbe ad adattarsi, con i suoi punti fermi, però, di eroe romantico assolutamente fuori schema».


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Anne Hathaway VS Julia Roberts: la sfida di stile al Festival di Cannes 2022

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi