Contenuto riservato agli abbonati

Tagli, parole e squarci: l’arte di Celiberti scende dal campanile più alto d’Italia

Da Mortegliano un messaggio universale di speranza. L’opera alta 50 metri e larga 3 realizzata dall’artista udinese 

Dal campanile più alto d’Italia scenderà l’arte, dalla piazza di Mortegliano salirà la musica, dal paese si muoverà la danza. Accadrà giovendì 27 gennaio alle 11, nel Giorno della memoria. Un’installazione pittorica eccezionale, per dimensioni e valore, verrà calata dal campanile.

La longilinea architettura ottagonale si vestirà di un’opera alta ben 50 metri e larga 3, realizzata dall’artista udinese Giorgio Celiberti, novantaduenne “maestro-bambino” perché, lui lo sa, «è dai bambini che impariamo i colori».

Video del giorno

Torino, gli agguati in metrò della baby gang del centro: presi in quattro fra i 15 e i 17 anni

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi