In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

IL PAPA VENUTO DAL PAESE DEGLI OROLOGI

di PAOLO MEDEOSSI Diamo ai carnici ciò che è dei carnici... La frase evangelica (riadattata) viene in mente pensando alla visita di Benedetto XVI che ieri è stato accolto da migliaia di fedeli

2 minuti di lettura

di PAOLO MEDEOSSI

Diamo ai carnici ciò che è dei carnici... La frase evangelica (riadattata) viene in mente pensando alla visita di Benedetto XVI che ieri è stato accolto da migliaia di fedeli friulani nella amatissima Aquileia. Alla vigilia dell'evento qualcuno è andato a verificare quanti sono stati i Pontefici giunti dal Nord Est d’Italia. Vien fuori una sfilza di veneti, oltre a un remotissimo aquileiese. Ma qui sta l’errore. Infatti un Papa che passa per essere bellunese in effetti era carnico dai capelli ai piedi, a cominciare dal cognome che faceva Cappellari. Si tratta di Gregorio XVI, vissuto fra il 1765 e il 1846, diventato cardinale nel 1825 con Leone XII ed eletto Pontefice il 2 febbraio 1831 (quindi 180 anni fa) dopo un conclave estenuante di 64 giorni. I cardinali si ritirarono nella cappella Sistina in una situazione difficilissima per la Chiesa con l'eco di focolai rivoluzionari un po' dovunque in Europa. All'inizio i favoriti erano i cardinali De Gregorio e Pacca, poi salirono le quotazioni di Macchi e Giustiniani, infine emerse il nome di Cappellari, che ottenne pure l'assenso del cancelliere austriaco Metternich, informato delle vicende nonostante la riservatezza che doveva avvolgere quelle operazioni. Così alla fine il carnico ottenne 32 voti su 41, ma ebbe poco tempo per festeggiare in quanto il giorno dopo dovette affrontare la rivoluzione che si era estesa in quattro quinti dello Stato Pontificio. Lui non perse tempo e chiese l'aiuto degli austriaci per spazzare gli insorti. Gregorio XVI non assomigliava certo al cardinale Merville, protagonista nel film Habemus Papam adesso nei cinema, nel quale Nanni Moretti racconta le paure di un uomo che non si sente di affrontare una responsabilità così grande.

Cappellari era uno deciso, coltissimo, abile diplomaticamente, come aveva dimostrato durante la bufera degli anni napoleonici. Bartolomeo Alberto (questo il suo nome) nacque il 18 settembre 1765 da genitori trasferitisi a Belluno da Pesariis, il paese degli orologi, frazione di Prato Carnico. Ultimo di cinque figli, il futuro Papa venne al mondo nel borgo di Mussoi, residenza estiva della famiglia composta dal padre Giovan Battista, notaio, e da Giulia Cesa, pure figlia di notaio. Altra caratteristica di Pesariis è appunto quella di aver dato origine a famiglie di notai oltre che a dinastie di spicco nella vita friulana. Di lì sono i Solari, il cui capostipite, secondo la leggenda che si fa romanzo, potrebbe essere stato un pirata genovese fuggito in montagna per evitare le punizioni della Serenissima, ma di Pesariis sono anche i Bruseschi, insediati in paese dal XV secolo. E a questa aristocrazia pesarina appartengono pure i Cappellari.

Bartolomeo Alberto entrò giovanissimo nell'ordine del Camaldolesi assumendo da monaco il nome di Mauro. Si distinse presto negli studi facendo parlare di sè nel 1799 con un libro contro gli innovatori, intitolato Il trionfo della Santa Sede. Di spirito reazionario, non amava certo il liberalismo, ma si battè duramente contro la schiavitù. Governò in definitiva con molta dignità una Chiesa nella tempesta per ben 15 anni ed è un atto di giustizia che i friulani lo ricordino.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori