In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ponte crollato, condanne confermate

La Corte di Cassazione ha messo la parola fine alla vicenda del viadotto del Chiavalir. Adesso si apre il processo civile

1 minuto di lettura

TRAMONTI DI SOPRA. Si è chiusa la vicenda del ponte del Chiavalir: ieri mattina, esattamente sette anni dopo il crollo del viadotto avvenuto il 15 dicembre 2005, la Corte di Cassazione ha rigettato i tre ricorsi degli altrettanti imputati appellanti. Sono state quindi confermate le condanne di primo grado e di appello a carico di Michele Artusato (avvocato Antonio Malattia), Domenico Bruno e Franco Fuscello (si tratta di uno degli ultimi atti presentati dall’avvocato Giuseppe La Spada prima della scomparsa prematura la scorsa primavera).

A questo punto i tre dovranno affrontare un lungo processo civile per i danni sostenuti dalle parti civili (l’Anas, la Provincia e i due Comuni di Tramonti di Sotto e di Sopra). Queste ultime, rappresentate dagli avvocati Luca Turrin, Michele Attanasio e Pietro Ragogna, ieri hanno ottenuto altri 2 mila euro a testa per le spese di giudizio. Turrin ha già annunciato l’avvio della causa civile per conto dell’Anas, che all’indomani del crollo dovette affrontare i nuovi oneri di progettazione e di costruzione del manufatto.

Il procuratore generale della Suprema Corte ha chiesto e ottenuto il rigetto dei ricorsi in quanto ci sarebbe in atti la prova evidente della negligenza degli imputati. Si sarebbe trattato di un’imperizia tale da sfociare nel dolo eventuale, visto che le prove di collaudo non sarebbero neppure dovute cominciare. Ma così non fu e il viadotto ripiegò su se stesso, trascinando nel sottostante greto del torrente Vielia un camionista e tre camion di ghiaia. In primo grado il tribunale di Pordenone, nell’aprile 2009 (giudice Monica Biasutti), aveva condannato a otto mesi di reclusione il capocantiere Franco Fuscello, a un anno l’ingegner Michele Artusato, a un anno e quattro mesi il costruttore Domenico Bruno e a un anno il collaudatore Virgilio Ciriani.

«E’ sufficiente esaminare le foto in atti per rendersi conto che non si è trattato di un disastro solamente nel senso “popolare” del termine – si legge nei motivi del provvedimento di conferma emesso un anno fa dalla corte di appello di Trieste –. E’ frutto di straordinaria buona sorte se nessuno dei camionisti è morto e se i pezzi del ponte collassato non hanno colpito alcuno dei presenti o i veicoli circolanti lungo la strada statale e il ponte attiguo, sul quale il traffico non è mai stato interdetto. Pare frutto di facile ironia sostenere, come fanno le difese, che gli unici che avrebbero potuto subire un danno sarebbero stati i pesci del sottostante torrente».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori