In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Le fibre ottiche salvano la tappa del Giro

Spazi ridotti in quota sul Montasio. Impossibile far salire i Tir della tv, servirà l’alta tecnologia per garantire le immagini

2 minuti di lettura

CHIUSAFORTE. Un luogo meraviglioso, lo era anche ieri mattina con la coda di Cleopatra che copriva le cime di Montasio e Canin, un luogo meraviglioso per l’arrivo di una tappa del Giro d’Italia, ideale per far fiondare lassù il prossimo 14 maggio almeno 50 mila persone (almeno), ma un altopiano maledettamente difficile da raggiungere per le decine di autotreni dell’organizzazione del Giro d’Italia. Un esempio. Il bilico della Rai con il camion-regia è lungo 17 metri: impossibile per l’autotreno superare la terrificante coppia di tornanti al 20 per cento di pendenza che impreziosirà la decima tappa della Cordenons-Altopiano del Montasio via Cason di Lanza.

Ancora di salvataggio E allora, senza l’alta tecnologia, l’arrivo dell’evento sportivo più popolare del Paese sarebbe impossibile. «Invece dovremmo riuscire a risolvere tutto grazie alla fibre ottiche». Parola di Stefano Allocchio, numero due dell’organizzazione del Giro d’Italia. Insieme a una trentina di tecnici da due giorni è in Friuli per una serie di ricognizioni nelle sedi di arrivo e di partenza del Giro 2013.

La carovana movimenta un migliaiao di persone e altrettanti mezzi, tutto deve essere organizzato nei minimi dettagli. «Portare la corsa su questo magnifico altopiano sarà un’impresa assai difficile». Allocchio fa il punto della ricognizione alla Malga Montasio, appositamente riaperta dall’Associazione allevatori per dare ospitalità ai tecnici Rcs, ai sindaci di Chiusaforte e Tarvisio e ai componenti dei due comitati tappa di Sella Nevea e Cave del Predil.

Logistica complicata Il manager delle tappe friulane, Enzo Cainero ieri mattina non ha avuto alcun problema a risolvere le questioni tecniche a Sella Nevea, dove saranno posizionati tra l’altro il colorato villaggio di arrivo e la sala stampa, oppure a Cave del Predil, da dove la carovana ripartirà il 15 maggio in direzione diga del Vajont, ma sull’altopiano del Monntasio le cose si sono complicate. E non poco.

«Sarà molto più dura che organizzare un arrivo sullo Zoncolan» ha detto Cainero. I primi durissimi chilometri che da Sella Nevea portano all’altopiano sono una specie di mulattiera. Sarà già complicato assicurare la regolarità della corsa per l’impossibilità di piazzare le transenne per proteggere i corridori; far salire i mezzi pesanti in quota sarà invece impossibile. Occorrerà inviare le immagini tv captate dalle telecamere in quota al pullmann regia grazie alle fibre ottiche.

Bus navetta e parcheggi In quota i tifosi potranno salire con l’auto fino al riempimento dei parcheggi, poi la gente potrà salire in bici, a piedi oppure utilizzando i bus navetta da Sella Nevea. Qui dovranno essere reperiti almeno 5 mila parcheggi. Un’altra impresa complicata. Male che vada si consentirà alle auto di sostare a lato della strada che scende verso il lago di Cave. Del resto, soltanto i mezzi della carovana del Giro sono oltre duemila.

Duemila volontari «Come al solito un ruolo fondamentale sarà quello dei volontari» assicura Enzo Cainero. Per le tappe dello Zoncolan negli anni scorsi è arrivato a reperirne oltre 1.200, pescati tra Protezione civile e Ana soprattutto. «Qui ne serviranno duemila» anticipa. Sindaci di Chiusafiorte e Tarvisio sono pronti ad aiutarlo nel reclutamento in loco. Del resto quassù il Giro d’Italia è atteso come il Messia. A proposito. Alle Malghe non c’è campo per i telefoni cellulari. Curioso che proprio le fibre ottiche consentiranno all’altpiano di prendersi la vetrina mondiale.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori