In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

La Giornata del ricordo oltre tutte le rivendicazioni

Si rinnova la commemorazione delle tragedie delle foibe e dell’esodo. Cadute le pregiudiziali ideologiche ecco l’occasione di scrivere una Storia di pace

2 minuti di lettura

Dove sono? Qua, là, molti sotto terra. Una terra che non potrà mai essere leggera, la Spoon River degli esuli è troppo vasta e non ha cantori. Per ciò la Giornata del ricordo rappresenta un appuntamento cui nessuno deve mancare, nessuno: né nostalgici fascisti e comunisti, né smemorati per vigliaccheria o per opportunità. Le pagine della storia non si devono strappare dal grande libro della vita e quando il tempo, inesorabile tritatutto, ridurrà le passioni che l’hanno scritta, significa che si sta percorrendo il sentiero che conduce alla pace, la sola vincitrice di ogni conflitto.

E si deve andare avanti non per tenere accesa la fiammella della rivendicazione, ma perché la memoria serva da monito a tutti per il futuro. «Va ricordato - ha detto Giorgio Napolitano - l’imperdonabile orrore contro l’umanità costituito dalle foibe e va ricordata la congiura del silenzio, la fase meno drammatica ma ancor piú amara e demoralizzante dell’oblío. Anche di quella non dobbiamo tacere, assumendoci la responsabilità di avere negato, o teso a ignorare, la verità per pregiudiziali ideologiche e cecità politica, e dall’averla rimossa per calcoli diplomatici e convenienze internazionali».

Sono parole particolarmente chiare e assumono una valenza storica se si considera la radice politica di chi le ha pronunciate. Dal 2005 la giornata del 10 febbraio è dedicata ufficialmente alla commemorazione dei morti e degli esuli, la scelta della data è dovuta alla ricorrenza della firma del trattato di Parigi siglato nel 1947, con il quale fu assegnato alla Jugoslavia il territorio occupato nel corso della guerra dall’armata di Tito. I rapporti conflittuali tra italiani e slavi hanno radici antiche ed è sempre stato difficile definire le responsabilità, poiché nello scorrere dei secoli le situazioni si sono spesso modificate, dando all’una e all’altra parte l’occasione per dare corpo alle rivendicazioni.

Le ricerche storiche hanno ripercorso gli eventi senza eccessiva difficoltà fino all’ultima guerra mondiale, i periodi successivi suscitano invece valutazioni difformi, soprattutto tra quanti sono ancora legati alle ideologie che si riferiscono al fascismo e al comunismo. Sono comunque gli estremisti che ancor oggi esprimono posizioni oltranziste: in ambienti della Destra si afferma che le foibe e l’esodo furono un genocidio di cittadini inermi che «avevano la sola colpa di essere italiani»; in ambienti della Sinistra si risponde che si trattò di una giusta resa dei conti con «la brutalità fascista» dimostrata negli anni.

Dal primo dopo guerra fino agli inizi degli anni ’90 su questo dramma calò, per cosí dire, il sipario: interessi politici nazionali e internazionali indussero al silenzio per non complicare le relazioni tra i nuovi soggetti; quel sipario è stato risollevato negli anni 2000, quando fascismo e comunismo hanno perduto la loro ragion d’essere e la realtà impone di guardare al passato non soltanto per non dimenticare, ma anche per costruire una società sempre piú umana. È con quella che finalmente si potrà vincere la pace.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori