Da depuratore a sito naturale: Così il Comune trasforma Gor

BUDOIA. Finanziamenti europei da Alleanza nelle Alpi al Comune di Budoia, che fa parte del progetto Dynalp Nature rivolto alla tutela, ripristino e valorizzazione delle zone umide. Il progetto...

BUDOIA. Finanziamenti europei da Alleanza nelle Alpi al Comune di Budoia, che fa parte del progetto Dynalp Nature rivolto alla tutela, ripristino e valorizzazione delle zone umide.

Il progetto budoiese, approvato dalla giunta comunale, riguarda la chiusura dell’attuale depuratore fognario in località Gor, nella zona collinare fra Budoia e Polcenigo. La rete delle fognature di Budoia verrà collegata dal gestore, Hydrogea, con quella di San Giovanni di Polcenigo. Il depuratore presente in quest’ultima località, con opportuni ampliamenti, servirà sia la comunità di Budoia che quella di Polcenigo.

Una volta smantellato l’impianto di depurazione a Budoia, la località Gor sarà valorizzata quale sito umido collinare e diventerà un ambito di tutela ambientale, con l’introduzione dei gamberi di fiume.

L’amministrazione comunale ha elaborato un progetto di recupero del sito ambientale per 12.800 euro. Il contributo di Alleanza nelle Alpi ammonta a 6.400 euro, mentre la restante spesa sarà affrontata dal Comune con prestazioni proprie lavorative per 5.400 euro e con mille euro dei fondi di bilancio. (s.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Minestra di cavolo nero, fagioli all’occhio e zucca con maltagliati di farro

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi