In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Pedofilia, assolto dopo un processo durato 9 anni

La vicenda giudiziaria di un friulano che era accusato di violenza sessuale sul figlio della convivente, dalla quale aveva avuto un bambino

1 minuto di lettura

UDINE. Un friulano è stato definitivamente assolto (per non aver commesso il fatto) dall’accusa di violenza sessuale su minorenne dopo un processo durato 9 anni e che ha visto alternarsi sentenze di assoluzione e una condanna a 6 anni.

A raccontare la complessa vicenda giudiziaria è l’avvocato Emanuele Sergo: «Tutto comincia l’11 ottobre 2005, quando una madre di origine straniera si presenta in una stazione carabinieri dicendo di aver ricevuto dal figlio confidenze riguardanti atti di violenza sessuale che il minorenne avrebbe subìto dal suo convivente. Il giorno successivo,12 ottobre, la signora ritorna in caserma e dice di non tener conto di quanto dichiarato. Il 13 ottobre il ragazzino viene sentito dai carabinieri senza la madre e alla presenza di 2 psicologhe. L’incontro non viene videoregistrato, nemmeno l’audio. Poi la madre, suo figlio e il bimbo piccolo che lei aveva avuto con il mio cliente sono stati accolti in una Struttura protetta.

In dicembre c’è l’incidente probatorio, al quale il minore viene preparato dalle stesse psicologhe che l’avevano già ascoltato (ora in veste di ausiliari del giudice). Noi, oltre a non ritenere corrette le procedure (confortati in ciò dal parere di Gaetano De Leo, fondatore della psicologia giuridica) abbiamo richiesto una perizia psicologia sul minore, che non è stata disposta. È iniziato il processo in abbreviato e il Gup ha assolto il mio assistito per l’ipotesi di violenza sessuale e lo ha condannato a 1 anno per maltrattamenti sulla convivente e sul figlio di quest’ultima.

In Appello, nel 2009, i giudici hanno affidato la perizia psicologica a un consulente che ha attribuito al minore una credibilità clinica che si è poi trasformata in attendibilità giuridica, visto che c’è stata una condanna a 6 anni.

Nel 2010 la Cassazione ha annullato la sentenza, rimandando gli atti ad un’altra Sezione della Corte d’appello di Trieste. I giudici si sono pronunciati il 24 assolvendolo. Ma intanto il mio assistito si è ritrovato con la vita sospesa, vittima di un forte stress e soprattutto nell’impossibilità di crescere il figlio naturale per 9 anni (lo vedeva 2 volte al mese con un educatore). Ora farà le azioni di legge per vedere riconosciuti i suoi diritti e quelli del figlio».

@RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori